Sospendere a testa in giù i rinoceronti da mettere in salvo per proteggere la specie

·3 minuto per la lettura

Secondo un nuovo studio, sospendere i rinoceronti per le zampe, quando sono trasportati in elicottero, è cruciale per conservare la specie.

Il rinoceronte nero è in grave pericolo di estinzione, principalmente a causa della massiccia domanda di corno di rinoceronte. Da anni i conservazionisti trovano modi per proteggerli e spesso si trovano costretti a pensare fuori dagli schemi.

A volte i rinoceronti devono essere spostati da aree inaccessibili e selvagge in elicottero per portarli in salvo. Ma poiché trasportare queste enormi creature non è una manovra semplice, i rinoceronti vanno sedati. In questo modo possono essere sollevati sospendendoli per le zampe, il che fa risparmiare tempo e secondo il Wwf sarebbe più rispettoso degli animali.

Sebbene questo metodo di trasporto sia utilizzato già da dieci anni, c'è chi teme che i sedativi possano essere pericolosi quando i rinoceronti sono appesi a testa in giù, anziché sdraiati su un fianco.

Un nuovo studio ha ora concluso che i rinoceronti "in realtà stanno leggermente meglio quando sono appesi per aria". La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Wildlife Diseases della Cornell University di New York, negli Stati Uniti.

"Più sicuro di quanto pensassimo"

Il team si è recato al Parco nazionale di Waterburg in Namibia, dove ha esaminato 12 rinoceronti.

"Abbiamo scoperto che sospendere i rinoceronti per le zampe è più sicuro di quanto pensassimo", rivela il dott. Robin Radcliffe, docente di medicina della fauna selvatica e della conservazione e primo autore dello studio.

Per quanto possa sembrare buffo occuparsi di questioni del genere, si tratta di un'"informazione d'importanza vitale" per gli ambientalisti che lavorano per salvare queste creature in via di estinzione.

"Per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio e per distribuire gli individui negli habitat in modo che i loro pool genetici restino in buona salute, i team di gestione spesso devono spostare i rinoceronti in aree remote a cui non è possibile accedere per strada o in auto", spiega lo studio.

Benché i tranquillanti siano potenti oppioidi, con effetti collaterali che possono "compromettere la salute dei rinoceronti e persino portare alla loro morte", i ricercatori hanno scoperto che i rischi si riducono quando vengono sollevati in aria per le zampe.

"Appendere i rinoceronti a testa in giù in realtà migliora la ventilazione (anche se in piccola misura) rispetto a quella dei rinoceronti sdraiati sul fianco", aggiunge Radcliffe.

Sebbene questa sia una buona notizia per gli ambientalisti che lavorano con i rinoceronti neri in terreni accidentati, sono ancora necessarie ulteriori informazioni e c'è ancora molto lavoro da fare.

Elisa Allen, direttrice dell'organizzazione benefica per i diritti degli animali Peta, è d'accordo. Per lei "Lo studio porta alla luce importanti informazioni sul trasporto sicuro di rinoceronti per scopi di conservazione. Ma, naturalmente, i risultati di questa ricerca devono essere utilizzati in tandem con altri sforzi, che includono la protezione dell'habitat, leggi più severe per prevenire la caccia ai trofei e il bracconaggio e un'adeguata applicazione di queste leggi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli