Sospensione del mutuo Deutsche Bank per emergenza Coronavirus

sospensione mutuo Deutsche Bank

A seguito del decreto emanato mercoledì 11 marzo, che allarga la zona rossa all’intero territorio nazionale, Deutsche Bank permette la sospensione di alcune rate del mutuo per agevolare i propri clienti in questo momento critico causato dal Coronavirus. Si tratta di un provvedimento che è stato preso allo stesso modo anche da Banca Mediolanum, Intesa San Paolo e Banca BNL.

Sospensione del mutuo Deutsche Bank: le modalità

Deutsche Bank permette due modalità di sospensione del mutuo: quella della sospensione dell’intera rata o della sola quota capitale. Qualora si scegliesse la seconda opzione, gli interessi maturati e dovuti per il periodo di sospensione verranno corrisposti alle scadenze originarie e calcolati secondo gli stessi parametri contrattuali sul capitale residuo così come rilevato alla data della sospensione.

A seguito, invece, della sospensione con entrambe le opzioni il piano di ammortamento si allungherà per un periodo pari a quello della sospensione; le garanzie costituite in favore della Banca per l’adempimento delle obbligazioni poste a carico della Parte Mutuataria mantengono la loro validità ed efficacia. In ogni caso la sospensione non comporta l’applicazione di commissioni o spese di istruttoria, la modifica dei tassi/spread applicati al mutuo, la richiesta di garanzie aggiuntive.

Sospensione mutuo Deutsche Bank: come richiederla

I clienti di Deutsche Bank che vogliono richiedere la sospensione del mutuo devono contattare l’Ufficio Customer Service tramite l’indirizzo e-mail dbm.servizioclienti@db.com e devono:

  • Compilare in ogni parte il modulo di richiesta scegliendo il tipo di sospensione cui si vuole aderire (intera rata o solo quota capitale);
  • Far sottoscrivere il modulo di richiesta da parte di tutti gli intestatari, coobbligati, fidejussori e datori di ipoteca;

Coronavirus, mutui e prestiti congelati

Per quanto riguarda le disposizioni generali promulgate dal Governo sono previste proposte particolarmente interessanti, per agevolare i cittadini. Per esempio nel caso specifico di genitori che sono rimasti a casa da lavoro si prevede la sospensione delle rate dei mutui prima casa per 18 mesi.

Inoltre in tutta la penisola è operativo l’accordo tra Abi e associazioni di impresa, grazie al quale è possibile chiedere la sospensione o l’allungamento dei prestiti concessi fino al 31 gennaio 2020. Tale moratoria si riferisce a finanziamenti per micro, piccole, medie imprese che hanno subito danni a seguito dell’emergenza Coronavirus.