Sostanze cancerogene nei farmaci, EMA: test su medicinali a rischio -2-

Mpd

Roma, 26 set. (askanews) - "Le nitrosammine sono classificate come probabili agenti cancerogeni per l'uomo, il che significa che un'esposizione a lungo termine al di sopra di determinati livelli può aumentare il rischio di cancro. Sono presenti in alcuni alimenti e forniture di acqua potabile e dove sono stati trovati in medicinali il rischio di sviluppare il cancro è stato basso", osserva l'agenzia europea del farmaco, tuttavia "i titolari delle autorizzazioni all'immissione in commercio - chiarisce la nota Ema - hanno la responsabilità di garantire che ogni lotto del loro prodotto finito sia di qualità soddisfacente, compresi i principi attivi e gli altri ingredienti utilizzati per produrli. Dovrebbero tenere conto delle linee guida pubblicate insieme alla conoscenza dei processi di fabbricazione dei loro prodotti e di tutte le altre prove scientifiche pertinenti".

L'EMA "continuerà a lavorare a stretto contatto con le autorità nazionali, l'EDQM e i partner internazionali per garantire che le aziende stiano adottando misure adeguate per prevenire la presenza di impurità di nitrosamina nei loro prodotti.

Nel frattempo, il Comitato per i farmaci ad uso umano continuerà a valutare le conoscenze scientifiche disponibili sulla presenza di nitrosammine nei medicinali e consiglierà le autorità di regolamentazione sulle azioni da intraprendere se le aziende trovano nitrosammine nei loro medicinali".