Sostenibilità: Birra Peroni lancia la nuova bottiglia Uni per l'ambiente

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Peroni esce oggi sul mercato con una rinnovata veste grafica del suo formato più sostenibile, il vuoto a rendere. Birra Peroni è impegnata nel vuoto a rendere dalla sua nascita, nel 1846. Mentre i fusti vuoto a rendere vengono prodotti in tutti e tre gli stabilimenti di Roma Padova e Bari, tutto il vuoto a rendere in bottiglia viene prodotto nello stabilimento di Bari da una linea produttiva interamente dedicata, con cui vengono prodotte fino a 50.000 bottiglie all’ora. Le bottiglie vuoto a rendere sono più resistenti rispetto alle normali bottiglie proprio per permetterne il riutilizzo, con un ciclo di vita che va tra i 15 e i 18 riusi.

Le nuove bottiglie vuoto a rendere, anche chiamate Uni perché universali tra tutti i produttori di birra, sono da oggi riconoscibili grazie ad una veste distintiva che, grazie alla presenza dell’icona del riciclo e l’utilizzo del colore verde, simboli universali di sostenibilità, e l’indicazione “vuoto a rendere”, comunicano in maniera chiara e immediata al consumatore la sostenibilità di questo packaging.

“Birra Peroni è da sempre impegnata per la salvaguardia dell’ambiente. Impegno che vogliamo trasmettere ai nostri consumatori con questo particolare formato - afferma Marina Manfredi, Marketing Manager Peroni Line - Pensare che quella bottiglia avrà ancora una lunga vita e non verrà smaltita in quel momento è una cosa incoraggiante, un segno di rispetto per l’ambiente e il territorio in cui viviamo, un progetto che abbiamo deciso di portare avanti con orgoglio e che siamo sicuri possa essere un piccolo ma concreto aiuto alla sostenibilità ambientale. Si tratta solo di acquisire una nuova abitudine, utile prima di tutto a noi stessi”.

Perché questo progetto funzioni sarà ovviamente necessaria la collaborazione di tutti, perché restituire una bottiglia di vetro possa diventare un gesto di responsabilità, per un processo che non solo tuteli l’ambiente ma agisca anche sul modo in cui viviamo ogni giorno, decidendo di farlo responsabilmente