Sostenibilità, cibo, giovani e città: la Food wave di Comune Milano

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 apr. (askanews) - Cibo, città, giovani e clima: un mix di ingredienti che se messi in rete possono innescare un cambiamento culturale straordinario per accelerare la transizione ecologica. A questo punta Food wave, il progetto del Comune di Milano per dare a ragazze e ragazzi dai 15 ai 35 anni gli strumenti per guidare la transizione globale verso un sistema alimentare sostenibile entro il 2030. Il progetto è guidato dal Comune di Milano, cofinanziato dalla Commissione Europea con circa 8 milioni di euro attraverso il programma Dear (Development Education and Awareness Raising) e coinvolge 17 città (tra cui Londra, Madrid, Varsavia e San Paolo del Brasile), 13 organizzazioni della società civile e la rete C40, la rete internazionale delle città impegnate nella lotta ai cambiamenti climatici.

Scuole e percorsi formativi digitali, laboratori nelle aree urbane periferiche delle città, scambi internazionali, sperimentazioni di agricoltura urbana e periurbana, avranno l'obiettivo comune di formare e sostenere giovani urban farmer e consumatori responsabili.

In occasione della Giornata mondiale della Terra l'Amministrazione comunale presenterà Food Wave - Empowering Urban Youth for Climate Action, attraverso una sfida digitale - "Catch the wave, lead the change" - che sarà lanciata alle 12 sui canali istituzionali del Comune per invitare i giovani ad unirsi all'onda del cambiamento.

Food Wave è un progetto che si concentra sui temi ambientali, ma anche un progetto culturale che mette i giovani, le comunità e la creatività al centro della sperimentazione: nel quadro del progetto verrà fornito sostegno finanziario a idee creative, artistiche e prodotti innovativi con l'invito ai giovani a presentare proposte per ripensare il modo di consumare e produrre cibo nelle città, trasformare aree in disuso e sperimentare nuove attività economiche.

Tutto il progetto sarà accompagnato da una piattaforma di partecipazione, reti e forum di discussione digitali, web radio universitarie, attività creative, concorsi artistici e produzioni audiovisive per mobilitare anche i giovani creativi a contribuire al nuovo progetto.

È già aperto il primo avviso pubblico. C'è tempo fino al 3 maggio per partecipare alla call per Street Actions per ricevere contributi per azioni ed eventi collettivi a carattere comunicativo, performativo e partecipativo con l'obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere specialmente i giovani, in merito all'importanza delle pratiche, degli stili di vita e dei sistemi alimentari sostenibili e dell'agroecologia urbana nella mitigazione del cambiamento climatico.

Le proposte andranno presentate attraverso la piattaforma del Comune di Milano.