Sostenibilità, Cresco Award premia i Comuni

·3 minuto per la lettura
Sostenibilità, Cresco Award premia i Comuni
Sostenibilità, Cresco Award premia i Comuni

Roma, 19 nov. – (Adnkronos) – Malegno, Montegiordano, Terre Roveresche, Canicattì, Cesena e Torino sono i Comuni vincitori quest’anno del Cresco Award – Città sostenibili, il contest promosso da Fondazione Sodalitas in collaborazione con Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e con il patrocinio della Commissione Europea e del ministero dell’Ambiente, che premia l’impegno dei Comuni italiani per lo sviluppo sostenibile dei territori in linea con gli obiettivi dell'Agenda 2030 dell'Onu.

I premi, assegnati da una Giuria indipendente presieduta dal rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta, sono stati assegnati oggi nel corso di un evento digitale tenutosi nell’ambito della 37esima assemblea annuale dell’Anci. Per il quinto anno consecutivo Cresco Award ha voluto premiare i progetti più efficaci nello sviluppare a favore del proprio territorio una specifica issue di sostenibilità: dalla mobilità sostenibile all’economia circolare, dalla sostenibilità energetica locale all’open innovation fino all’inclusione scolastica.

Anche quest’anno sono stati candidati un centinaio di progetti da 83 enti (Comuni, Città Metropolitane, Comunità Montane o Unioni di Comuni di tutta Italia) che si aggiungono agli oltre 500 presentati nelle scorse edizioni ora consultabili nella Biblioteca Cresco: la banca dati online in cui sono stati raccolti tutti i progetti, gli enti e le imprese partecipanti, con alcune analisi statistiche correlate.

Un patrimonio unico di conoscenza su come stanno agendo i Comuni italiani per guidare lo sviluppo dei territori realizzando nel concreto i temi al centro dell’Agenda 2030. Guardando al contenuto delle iniziative presentate in questi anni, emerge che l’impegno dei Comuni riguarda in modo ben distribuito i temi che sono oggetto dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, come per esempio il consumo e la produzione responsabile (10.8%), l’accesso all’energia pulita (8.3%), l’azzeramento della povertà (6.7%) fino alla riduzione delle disuguaglianze (6.1%).

È, inoltre, confortante constatare che questo impegno non riguarda solo i Comuni più grandi (il 22% dei partecipanti ha più di 100.000 abitanti), ma anche e soprattutto quelli medi (il 50% ha tra 10mila e 100 mila abitanti) fino a quelli più piccoli (il 28% ha meno di 10mila abitanti).

Cresco Award ha visto anche in questa edizione il coinvolgimento di 17 imprese associate a Fondazione Sodalitas e particolarmente impegnate sul fronte della sostenibilità – Bureau Veritas, Certiquality, Confida, Dnv GL, Enel, Falck Renewables, FedEx, KPMG, Lexmark, Mapei, Pirelli, Poste Italiane, QVC Italia, Saint-Gobain, Solvay, STMicroelectronics, Ubi Banca (Gruppo Intesa Sanpaolo) – che hanno assegnato riconoscimenti ad altrettanti Enti Locali su specifiche tematiche.

“Rendere i territori sostenibili e resilienti, per offrire una migliore qualità della vita alle persone che li abitano è un obiettivo chiave di sviluppo che sollecita l’impegno di istituzioni, imprese e società civile, come indicato dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030 – dichiara Enrico Falck, presidente di Fondazione Sodalitas – In Italia, il rapporto tra imprese, territori e comunità locali è profondo e ha una lunga tradizione, che tuttavia è spesso sottovalutata e su cui è quindi necessario investire molto di più".

"È a partire da questo presupposto – aggiunge – che Fondazione Sodalitas e Anci hanno avviato nel 2016 una partnership con l’obiettivo di far emergere l’impegno delle municipalità nel far crescere i territori locali dal punto di vista economico, sociale e ambientale. Il quadro che emerge dalla recente storia di 'Cresco Award' è nel suo insieme incoraggiante, pur nella consapevolezza delle difficoltà e differenze riscontrabili nei tanti territori del nostro Paese. Si tratta in ogni caso di una solida base da cui partire per rafforzare resilienza e sostenibilità dei contesti urbani grazie alle partnership tra imprese ed enti locali”.