Sostenibilità: energia, materie prime e packaging, primo Report per Lidl

webinfo@adnkronos.com

Impegni sul fronte delle materie prime, per la riduzione del consumo di plastica e per il risparmio energetico, meno zucchero e sale. Lidl, catena di supermercati con 650 punti vendita e 10 piattaforme logistiche presenti su tutto il territorio italiano, pubblica il suo primo report di sostenibilità che illustra i risultati raggiunti dall’Azienda negli esercizi fiscali 2017-2018 in termini di sostenibilità e ne fissa gli obiettivi futuri.  

Nei sei capitoli in cui si struttura il report, Lidl analizza gli ambiti dove la propria attività ha un potenziale impatto di natura sociale, economica o ambientale e individua le aree di responsabilità: dalle materie prime alla trasformazione, dai processi aziendali fino ai clienti.  

"Questo primo report ci offre l’opportunità di condividere in modo trasparente con i nostri stakeholder i risultati sinora ottenuti in ambito di sostenibilità e di fissare i nostri obiettivi per il futuro - dichiara Massimiliano Silvestri, presidente di Lidl Italia - Data la nostra dimensione rilevante, infatti, siamo consapevoli della nostra Responsabilità Sociale d'Impresa e convinti che, impegnandoci a favore di una sempre maggiore sostenibilità del nostro operato, possiamo offrire un contributo concreto nell'affrontare le sfide a livello sociale, ambientale ed economico tipiche del nostro settore. Riteniamo che il nostro impegno possa influire positivamente nel contrastare le sfide globali, come ad esempio il cambiamento climatico e lo sfruttamento degli ecosistemi, e sia essenziale per preservare anche il successo della nostra attività in futuro".  

Di seguito alcuni degli impegni presi dall’Azienda: entro la fine del 2019, il 100% dei prodotti a marchio Lidl contenenti uova impiegheranno solo uova provenienti da galline allevate a terra, all’aperto o biologicamente ('Materie prime e agricoltura'); entro il 2025, Lidl ridurrà il consumo di plastica di almeno il 20% e adotterà plastica riciclabile al 100% nel packaging delle proprie private label ('Filiera e trasformazione'); entro il 2020, l’azienda sostituirà i sistemi di illuminazione a fluorescenza o incandescenza con tecnologie Led in tutte le sue pertinenze, con un atteso risparmio energetico di 6.600.000 kWh/anno ('Gestione aziendale e processi'); entro gennaio del 2025 Lidl ridurrà del 20% il contenuto medio ponderato di zucchero e sale aggiunti nei prodotti a marchio proprio ('Clienti e società').  

Il report di sostenibilità di Lidl Italia è redatto secondo l’approccio basato sullo Standard internazionale Gri - Global Reporting Initiative, opzione Core.