Sostenibilità, Granarolo taglia del 16% plastica in bottiglie latte

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 mar. (askanews) - La sostenibilità passa dall'innovazione del packaging. Granarolo dal 25 marzo ha avviato in alcune regioni il lancio di una nuova confezione di latte fresco, con un collo di bottiglia innovativo, sviluppato internamente, che permette una riduzione del 16% di plastica per il formato da un litro rispetto alla precedente confezione, del 10% per quello da mezzo litro e dell'11% per la referenza da un litro e mezzo. Non solo: il tappo non è più a vite ma a pressione, si apre con un click e resta ancorato alla bottiglia per evitare la dispersione nell'ambiente, anticipando la direttiva Ue sugli articoli monouso in plastica che entrerà in vigore dal 2024. Due novità in chiave sostenibile che si uniscono all'utilizzo di R-PET, plastica riciclata, per il 25% della bottiglia.

Il risparmio derivante dall'impiego delle nuove confezioni di latte fresco e Esl è di 440.000 chili di plastica in meno in un anno, con una riduzione di almeno 1.600 tonnellate di CO2 equivalente alla CO2 assorbita da 72.000 piante (ipotizzando volumi di vendita del gruppo Granarolo pari all'anno precedente, esclusi i marchi Accadì, G+ e Granarolo Bimbi). La nuova confezione oltre che per il latte fresco sarà utilizzata anche per il latte Esl (extended shelf life con una durata maggiore a scaffale), mentre ulteriori riduzioni del contenuto in plastica sono previste per altre tipologie di prodotto nel corso dell'anno.

Questo progetto rientra nel più ampio manifesto, #bontàresponsabile, che mette a sistema i progetti di sostenibilità di Granarolo avviati con il piano triennale lanciato nel 2018 e che, agendo sulla leva dell'innovazione, ora guarda al futuro. I quattro pilastri di questo manifesto saranno rappresentati dai petali di un quadrifoglio, che sarà riportato su tutte le confezioni di latte e di altri prodotti Granarolo. Si parte dalla qualità garantita di filiera italiana del latte, benessere animale certificato, progetti di sostegno per comunità vicine e lontane e riduzione di plastica, CO2 e sprechi alimentari.