Sostenibilità: Planet 21, il programma di Accor per l'ambiente

webinfo@adnkronos.com
Riduzione dello spreco di cibo e stop alla plastica monouso. Sono gli impegni del gruppo alberghiero Accor attraverso Planet 21, programma a favore di un’ospitalità che sia rispettosa del mondo in cui viviamo con obiettivi da raggiungere entro il 2020.  L’iniziativa prende spunto dai valori espressi dall’Agenda 21 e quest’anno si concentra su due obiettivi specifici.  Il primo progetto di Planet21, 'Love Food Not Waste', affronta il tema dello spreco alimentare. La priorità è quella di ridurre il food waste di almeno il 30% entro il 2020. L’iniziativa è stata avviata già lo scorso anno, proponendo a 14 hotel pilota soluzioni innovative: primo fra tutti Winnow, un sistema tecnologico progettato pensando a cucine professionali, che con pochi clic è in grado di tenere traccia di come e quale cibo viene sprecato. Tra i 14 hotel, già due hanno ridotto i rifiuti alimentari del 20%, circa 4.743 kg in meno per struttura.  Diverse le proposte pensate per raggiungere questo obiettivo che coinvolgono hotel, sedi di Accor nel mondo e clienti. C'è la partnership con 'To Good To Go', un’app nata con l’obiettivo di combattere lo spreco alimentare vendendo le pietanze avanzate nei ristoranti a prezzi ribassati. Accor, con i suoi hotel milanesi, mette a disposizione una magic box, stabilendo un prezzo e un orario di ritiro.  L’altro tema al centro del programma Planet 21 è quello della riduzione dell’uso della plastica entro la fine dell’anno. Le iniziative di Accor vanno verso l’eliminazione di cannucce di plastica, agitatori e cotton fioc dalle proprie strutture, oltre che di diversi accessori da bagno; in sostituzione sono state pensate soluzioni alternative come l’uso di cannucce in carta o materiale biodegradabile.  "Accor Italia sostiene l’impegno globale della società nell’ambito della sostenibilità ambientale - dice Alessandro Arborio Mella, VP Talent Culture di Accor Italia e Grecia - insieme ai nostri collaboratori, abbiamo risposto con entusiasmo all’appello della campagna EcoCannucce, promossa da Marevivo, per tenere più puliti i corsi d’acqua nel mondo".

Riduzione dello spreco di cibo e stop alla plastica monouso. Sono gli impegni del gruppo alberghiero Accor attraverso Planet 21, programma a favore di un’ospitalità che sia rispettosa del mondo in cui viviamo con obiettivi da raggiungere entro il 2020.  

L’iniziativa prende spunto dai valori espressi dall’Agenda 21 e quest’anno si concentra su due obiettivi specifici.  

Il primo progetto di Planet21, 'Love Food Not Waste', affronta il tema dello spreco alimentare. La priorità è quella di ridurre il food waste di almeno il 30% entro il 2020. L’iniziativa è stata avviata già lo scorso anno, proponendo a 14 hotel pilota soluzioni innovative: primo fra tutti Winnow, un sistema tecnologico progettato pensando a cucine professionali, che con pochi clic è in grado di tenere traccia di come e quale cibo viene sprecato. Tra i 14 hotel, già due hanno ridotto i rifiuti alimentari del 20%, circa 4.743 kg in meno per struttura.  

Diverse le proposte pensate per raggiungere questo obiettivo che coinvolgono hotel, sedi di Accor nel mondo e clienti. C'è la partnership con 'To Good To Go', un’app nata con l’obiettivo di combattere lo spreco alimentare vendendo le pietanze avanzate nei ristoranti a prezzi ribassati. Accor, con i suoi hotel milanesi, mette a disposizione una magic box, stabilendo un prezzo e un orario di ritiro.  

L’altro tema al centro del programma Planet 21 è quello della riduzione dell’uso della plastica entro la fine dell’anno. Le iniziative di Accor vanno verso l’eliminazione di cannucce di plastica, agitatori e cotton fioc dalle proprie strutture, oltre che di diversi accessori da bagno; in sostituzione sono state pensate soluzioni alternative come l’uso di cannucce in carta o materiale biodegradabile.  

"Accor Italia sostiene l’impegno globale della società nell’ambito della sostenibilità ambientale - dice Alessandro Arborio Mella, VP Talent Culture di Accor Italia e Grecia - insieme ai nostri collaboratori, abbiamo risposto con entusiasmo all’appello della campagna EcoCannucce, promossa da Marevivo, per tenere più puliti i corsi d’acqua nel mondo".