Sostenibilità: tappi in sughero diventano oggetti di design

webinfo@adnkronos.com

Non solo una chiusura per vini di qualità, ma anche materia prima per realizzare tutti quegli oggetti che accompagnano le attività che ruotano intorno all'enologia, e non solo. Dal sughero, infatti, nascono veri e propri oggetti di design per aziende e wine lovers. Prodotti recuperando e riutilizzando anche i tappi di bottiglie che, una volta aperte, vengono buttati ma che, invece, rinascono in una seconda vita. A lanciare la sfida di questa nuova filiera del design sostenibile è Amorim Cork, Gruppo leader nel mondo per la produzione di tappi in sughero. 

"Oltre ai tappi, che rappresentano il nostro core business e il 70% del fatturato, sviluppiamo altri utilizzi del sughero, ad esempio nel campo del calcio, o dei sistemi antivibrazione, oppure nuovi tipi di pavimenti waterproof e con una più elevata performance acustica. L'innovazione fa parte del Dna Amorim, perché siamo leader di un prodotto, che è il sughero, che può solo crescere nel mondo, se noi innoviamo questa materia prima così nobile ed ecologica", afferma António Rios Amorim, presidente del Cda di Corticeira Amorim.  

Proprio la filiale italiana del Gruppo si è fatta paladina di questo nuovo progetto. "Noi raccogliamo i tappi usati - ricorda Carlos Veloso dos Santos, amministratore delegato di Amorim Cork Italia - dal 2011: bisogna ricordare che in Italia vengono buttati ogni anno nella spazzatura qualcosa come 800 milioni di tappi. Noi andiamo a intercettare una parte di questi: finora li vendevamo alle aziende di bioedilizia, ma in una logica di economia circolare bisogna anche creare profitto, un utile che permette di remunerare tutta la filiera". 

"La raccolta di tappi di sughero usati - sottolinea - è completamente fatta in beneficenza. Dunque, per fare questo e per renderlo economicamente più interessante, la sfida è trasformare questi tappi di sughero in oggetti di design. Così, presenteremo a ottobre la prima linea di oggetti di design in sughero, che vogliamo che torni in cantina, quindi oggetti per allestire wine bar, enoteche, sale degustazioni, dehors delle aziende, o anche per ristoranti o per la propria casa. Andremo a lanciare oggetti come sgabelli o altre sedute, tavoli, lampadari, porta-vino, cioè tutta una serie di prodotti nati a partire dal tappo riciclato".  

E' continua, infatti, l’attenzione di Amorim Cork Italia verso l’ecosostenibilità e il mondo sociale. A dimostrarlo il successo di Etico, progetto di ecosostenibilità e solidarietà che tutela l’ambiente e che ha permesso la creazione di un prodotto finito a partire dal sughero riciclato: la granina per la bioedilizia Corkgran Etico, generata dalla frantumazione dei tappi usati e raccolti dalle onlus che aderiscono al progetto.  

Dal 2010 il progetto ha rintracciato e avviato al riciclo più di 400 tonnellate di sughero. Il ricavato di questa operazione ha portato alle onlus impegnate in prima linea nella raccolta a ricevere circa 300.000 euro di contributi complessivi dati in beneficenza. La filiera così premia il riciclo e le realtà che si sono cimentate nella raccolta dei tappi, andandole a supportare con il ricavato della vendita del sughero e di un suo contributo economico spontaneo. Da questa idea del riciclo, dunque, nasce ora anche il nuovo progetto di design sostenibile.