Sott'acqua un tesoro antico 1.700 anni

·1 minuto per la lettura

AGI - Archeologi hanno rinvenuto un prezioso bottino in due relitti di navi al largo di Caesarea, sulla costa israeliana, affondate rispettivamente nel terzo e nel 14esimo secondo d.C.

Dal mare sono venute alla luce centinaia di monete d'argento, risalenti al periodo romano e mamelucco, una pietra preziosa con una lira scolpita sopra, campane di bronzo e un pesante anello d'oro recante il simbolo del 'buon pastore', una delle prime immagini usate per indicare Gesù, risalente agli albori della cristianità.

 "Le navi erano probabilmente ancorate nelle vicinanze e hanno fatto naufragio a causa di una tempesta", hanno spiegato gli archeologi marini Jacob Sharvit e Dror Planer.

Come ha ricordato il direttore dell'Autorità per le antichità israeliane, Eli Eskozido, "le coste israeliane sono ricche di siti e reperti, beni immensamente importanti del patrimonio culturale nazionale e internazionale. Sono estremamente vulnerabili, motivo per cui l'Autorità conduce indagini subacquee per individuare, monitorare e salvare qualsiasi antichità". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli