South Carolina, dopo 13 anni il macabro ritrovamento: la triste fine di Brittanee Drexel

Brittanee Drexel
Brittanee Drexel

A tredici anni dalla sua scomparsa sono stati ritrovati i resti dell’adolescente Brittanee Drexel. L’allora 17enne sparì nel nulla durante le vacanze di primavera del 2009. La ragazza si trovava a Myrtle Beach nel South Carolina. La polizia ha provveduto a comunicare il ritrovamento di Brittanee. Un tranquillo periodo di relax lontano dagli studi si è trasformato in una tragedia per la famiglia della giovanissima, che per tutti questi anni ha ignorato la sua reale sorte.

Resti di adolescente trovati dopo 13 anni: il limbo vissuto dalla famiglia

Tredici lunghi anni vissuti in un limbo per Dawn e Chad Drexel, i genitori di Brittanee Drexel. Nonostante il tempo passato i due non hanno mai perso la speranza di riabbracciare viva la loro ragazza. Una speranza distrutta dopo la comunicazione del ritrovamento dei resti dei Brittanee da parte della polizia.

Le dichiarazioni dello sceriffo Weaver

Nel corso di una conferenza stampa tenuta lo scorso 16 maggio lo sceriffo Carter Weaver, operante nella contea di Georgetown, ha reso nota la svolta nelle indagini sul caso di Brittanee Drexel dopo la scoperta dei resti della 17enne e, inoltre, dopo l’arresto di un uomo, Raymond Douglas Moody (62 anni) uno dei primi sospettati del caso e in seguito scagionato per mancanza di prove. Ora l’uomo deve rispondere dei reati di rapimento, omicidio e condotta sessuale criminale di primo grado.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli