Spaccio di droga nelle case popolari: 3 arresti a Milano

fcz
·2 minuto per la lettura

Milano, 7 nov. (askanews) - Utilizzavano due appartamenti dei caseggiati popolari di via Narni, alla periferia Nord Est di Milano, come base di spaccio. Sono stati individuati e arrestati dalla polizia. In manette sono finiti un egiziano di 26 anni, una palestinese di 21 anni e un romeno di 19 anni, sorpresi dagli agenti del commissariato Villa San Giovanni. I poliziotti, impegnati in un controllo antispaccio nel quartiere Cimiano e in altre zone dell'area Nord del capoluogo, hanno notato i tre personaggi sospetti mentre entravano in un appartamento già individuato come possibile luogo di spaccio. Così è scattata la perquisizione dell'abitazione che, grazie anche all'intervento delle unità cinofile, ha portato al sequestro di 42 grammi di marijuana, nascosti in una busta. Nel frattempo gli ispettori Aler controllavano un appartamento occupato abusivamente nella scala A della stessa palazzina. Dopo aver verificato che era stato occupato dalla stessa coppia composta dall'egiziano e dalla palestinese, gli agenti hanno deciso di perquisirlo a fondo, trovando nello zaino della ragazza (che è incinta) altri 30 grammi d'erba. I controlli si sono estesi a un alloggio adiacente dove i poliziotti hanno rintracciato 30 grammi di hashish, nascosti in un comò della camera da letto. Tornati nella scala B e insospettiti da un forte odore di marijuana in arrivo dalle cantine, gli agenti hanno individuato uno sgabuzzino dove, in uno scatolone, c'erano altre tre buste di marijuana, dello stesso tipo di quella appena sequestrata, per un peso complessivo di 3 chili. I controlli previsti dal progetto Penelope hanno portato ad altri due arresti per spaccio in città. Un marocchino 41enne che aveva nascondeva in un negozio da barbiere lungo via Padova 52 g di hashish, 275 euro, un bilancino e vario materiale per il confezionamento della droga. E un suo connazionale di 39 anni che nascondeva un borsone con 660 grammi di hashish e 21 grammi di cocaina nella stanza di un hotel di piazzale Durante.