Spaccio droga e tentato omicidio nel 2016: a Napoli 5 arresti

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Napoli, 10 feb. (askanews) - A Napoli cinque arresti e un divieto di dimora a conclusione delle indagini sul ferimento di Giuseppe Vatiero, colpito con un'arma da fuoco alla testa e alla spalla il 7 ottobre 2016 nella zona delle Case Nuove del capoluogo campano. L'uomo, pur sopravvivendo all'attentato, rimase gravemente e irrimediabilmente menomato. A eseguire l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip partenopeo su richiesta della locale Dda, gli agenti della Squadra mobile di Napoli.

Le indagini hanno permesso di ricostruire le dinamiche che vedevano contrapposti il clan camorristico Caldarelli, radicato nel rione urbano delle Case Nuove e alleato al clan Mazzarella, e il clan Rinaldi, con base nel quartiere confinante di San Giovanni a Teduccio e intenzionato a espandersi agendo sotto l'influenza dello storico cartello della criminalità organizzata chiamato Alleanza di Secondigliano.

Le investigazioni hanno anche accertato l'esistenza e l'operatività di un gruppo organizzato attivo nelle Case Nuove, zona popolare del quartiere Mercato nel centro storico di Napoli, dedito allo spaccio di droga.