Spagna, accordo lampo fra socialisti e Podemos per coalizione -4-

Mgi

Roma, 12 nov. (askanews) - Difficile dire se dietro questa vaga formula di principio si nasconda un'effettiva volontà di dialogo con i partiti indipendentisti, almeno se e dopo che Sanchez sarà riuscito a farsi confermare alla Moncloa: qualsiasi iniziativa in questo senso rischia di essere sfruttata elettoralmente dalla destra che non aspetta altro che di accusare Sanchez di essere "complice dei terroristi e dei separatisti" (due concetti che la campagna elettorale della destra e soprattutto di quella più estrema di Vox hanno fatto di tutto per associare indissolubilmente).

Il problema maggiore per il leader del Psoe tuttavia è che per quanto riguarda l'intangibilità dell'unione nazionale una buona parte del suo elettorato è schierato sulle stesse posizioni della destra - specie in quelle regioni a governo socialista che più avrebbero da perdere economicamente da un'eventuale secessione catalana) e ogni concessione rischia dunque di esser pagata a caro prezzo sia all'interno del partito che alle prossime elezioni.

.