Spagna, centinaia di ragazzi contagiati durante la vacanza a Maiorca

·1 minuto per la lettura
Maxi focolaio Maiorca
Maxi focolaio Maiorca

Centinaia di ragazzi residenti in diverse regioni della Spagna sono risultati positivi al Covid dopo aver trascorso le vacanze a Maiorca: il focolaio conterebbe almeno 350 casi.

Maxi focolaio dopo vacanze a Maiorca

Si tratta di giovani di ritorno da soggiorni nell’isola avvenuti dopo la fine della scuola nel periodo compreso tra il 12 e il 20 giugno. Il ministro della Sanità Carolina Darias ha confermato che “stiamo seguendo la situazione nel dettaglio perché si tratta di un numero importante di persone contagiate” e sottolineato che per il momento non si registrano casi preoccupanti tra gli ammalati, la maggior parte dei quali residenti nella zona di Madrid, dato che si tratta di ragazzi in giovane età.

La stessa ha chiesto responsabilità ai ragazzi perché in gran parte non sono ancora stati vaccinati e in questo momento sono i più esposti al contagio.

Maxi focolaio dopo vacanze a Maiorca: zone riservate per evitare contagi tra residenti

Dato che Maiorca è una delle mete più ambite per i viaggi di gruppo in Spagna, le autorità dell’isola avrebbero deciso di creare delle zone riservate per le centinaia di giovani in arrivo in modo da evitare focolai tra i residenti locali. La regione delle Isole Baleari ha comunicato che per ora non si sono ancora registrati contagi nella popolazione residente legati al focolaio tra studenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli