Spagna, dai balconi la protesta contro l'ex re Juan Carlos -4-

Mgi

Roma, 18 mar. (askanews) - Per la corona è l'ennesima tegola dopo gli scandali che hanno costretto Juan Carlos - eroe della Transizione alla democrazia, ma incapace di adattarsi ai tempi "normali" - ad abdicare: non solo l'incidente durante il safari in Africa mentre il resto del Paese era alle prese con la crisi economioca, ma anche il coinvolgimento dell'Infanta Cristina nel caso di corruzione che ha visto suo marito Iñaki Urdangarin firnire in carcere - e venire ritagliato da tutte le foto ufficiali.

Felipe deve ringraziare al momento l'epidemia, che ha allontanato l'attenzione dell'opinione pubblica dal Palacio de la Zarzuela, e la lelatà del "deep state" spagnolo che - socialisti in testa, per quanto in teoria repubblicani - non ha alcuna intenzione di indagare troppo a fondo su qualsiasi cosa possa anche lontanamente minacciare quell'unità del Paese che la monarchia si è sempre imposta di rappresentare - checché ne pensino catalani e baschi.