##Spagna, elezioni: per Sanchez e il Psoe una vittoria di Pirro -2-

Mgi/Fco

Roma, 11 nov. (askanews) - Di contro, complice anche un calo dell'affluenza del 6% rispetto ad aprile (anche questo prevedibile, malgrado gli appelli al voto utile, al quarto voto di fila) la destra guadagna qualche seggio ma rimane anch'essa lontana dalla maggioranza assoluta: il Partido Popular di Pablo Casado può gioire per la ventina di deputati in più, ma anche in questo caso il sogno di un ritorno al bipolarismo appare sempre più come un miraggio: il Pp ha semplicemente scambiato un rivale interno per un altro, con il crollo di Ciudadanos (quasi una cinquantina di seggi perduti) compensato dal successo di Vox, che diventa addirittura terza forza in Parlamento con 52 deputati.

Le altre formazioni mantengono sostanzialmente i risultati precedenti: Erc vince in Catalogna davanti ai socialisti del Psc, senza che gli indipendentisti perdano consensi, anzi (23 seggi sui 48 disponibili, uno in più rispetto ad aprile, mentre i tre partiti della destra ne conquistano in totale sei, uno in meno e tutti a Barcellona); altrettanto vale per i partiti baschi, che conquistano un altro seggio ciascuno - e tenendo conto del fatto che alle elezioni politiche queste formazioni tendono ad ottenere risultati peggiori che non alle regionali. (Segue)