Spagna, eutanasia è legge

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

L'eutanasia diventa legge in Spagna. La nuova norma è stata approvata oggi con 202 voti a favore, 141 contrari e due astensioni. La 'dolce morte' entrerà in vigore fra tre mesi e potrà essere richiesta da chi "soffre di un'infermità grave e incurabile o una malattia grave, cronica e invalidante".

La legge spagnola regola sia l'eutanasia sia il suicidio assistito e prevede una serie di passi obbligati per accertare l'effettiva volontà del richiedente. La richiesta del malato dovrà essere presentata due volte nell'arco di 15 giorni, in una lettera scritta in cui si dimostrerà di essere al corrente delle possibili cure palliative. Superata questa fase, il medico curante inoltrerà la richiesta ad una commissione di sette persone - medici, giuristi, infermieri - che dovrà essere formata in ogni regione per dare un parere definitivo entro 19 giorni. In ogni momento il paziente potrà interrompere la procedura.

Dopo Olanda, Belgio, Lussemburgo e Canada, la Spagna diventa uno dei pochi Paesi dove è possibile l'eutanasia, mentre in Svizzera è regolato il suicidio assistito. Voluta dal partito socialista al governo, sull'onda di una serie di casi drammatici che hanno colpito l'opinione pubblica, il provvedimento era osteggiato dal partito Popolare e dall'estrema destra di Vox.

L'applicazione della nuova legge potrebbe incontrare alcuni ostacoli, a partire dalla richiesta dell'Ordine dei medici di permettere l'obiezione di coscienza. Vi è inoltre la questione dell'organizzazione delle commissioni di esperti che apre la strada a possibili disparità di trattamento nelle diverse regioni.