Spagna: pregiudicato uccide bambino, Sanchez esprime "shock e dolore" durante il G20

·2 minuto per la lettura

AGI - "Dolore e shock" sono stati espressi, a margine del G20 di Roma, dal premier spagnolo Pedro Sanchez per l'orrendo delitto di un bambino di 9 anni, avvenuto pochi giorni fa a Lardero, nel nord della Spagna. Il crimine ha sconvolto l'intero Paese: con la terribile accusa di averlo commesso è stato arrestato un uomo di 54 anni, che si trovava in libertà vigilata dal 2020 ed è quindi tornato in carcere.

L'uomo, un cittadino spagnolo residente a Lardero, stava scontando una condanna a 20 anni per l'omicidio e la violenza sessuale su un giovane agente immobiliare commessi nel 1998. Nel 1993 era già stato condannato a 7 anni per violenza sessuale. Aveva ottenuto un permesso per "buona condotta" e ha attirato il bambino mentre stava giocando in un parco.

A causa dei suoi precedenti, i parenti del bambino ucciso hanno accusato la giustizia, colpevole di non avere impedito il nuovo efferato delitto. "Non si può lasciare libero un assassino che ha ucciso un agente immobiliare e violentato una ragazzina di 13 anni. Quell'uomo avrebbe dovuto essere in prigione a vita", ha detto uno zio del bambino. "Anche se non ci restituiranno il nostro Alex, vogliamo che marcisca in prigione per sempre". 

Giovedi' scorso, quando si è fatto buio, il pluripregiudicato ha avvicinato Alex nel parco dove stava giocando. Lo aveva probabilmente scambiato per una ragazza, perché indossava una parrucca come travestimento di Halloween, e lo ha invitato a casa per fargli vedere il suo cucciolo, ma ha finito per soffocarlo.

Secondo quanto riferisce il quotidiano El Pais, tutto è successo molto in fretta, tanto che una piccola folla ha cominciato a cercare il bambini e ha individuato il portone dentro al quale erano entrati, quando la polizia era già arrivata. Le persone infuriate hanno visto uscire la barella dell'ambulanza vuota, e hanno cercato di superare il cordone di polizia per linciare l'uomo, urlando a gran voce di fare giustizia con le proprie mani.

Nelle scorse settimane, quando era libero con precedenti permessi premio, l'uomo aveva gia' tentato di avvicinare altre bambine. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli