Spagna, riaperto mandato arresto internazionale per Puigdemont

Bea

Roma, 14 ott. (askanews) - L'ex presidente catalano Carles Puigdemont, fuggito in Belgio, non era tra i 12 condannati oggi dalla Corte suprema spagnola per il fallito tentativo di secessione dalla Spagna, ma il giudice Pablo Llarena, che ha istruito il processo, ha chiesto poche ore dopo la sentenza la riattivazione dei mandati d'arresto internazionale ed europeo a suo carico con le accuse di sedizione e malversazione. Lo riferisce la stampa spagnola.

Llarena aveva ritirato il mandato nel luglio 2018, dopo che la Germania aveva respinto l'estradizione di Puigdemont sulla base del capo d'accusa di ribellione. Fino a oggi è rimasto attivo sono un mandato nazionale, che consente l'arresto dell'ex presidente della regione autonomia solo sul territorio spagnolo. Toccherà ora alla giustizia belga esprimersi sull'estradizione di Puigdemont.