Spalletti su Icardi: "Il Real Madrid? Lo vogliono tutti ma lui ama l'Inter"

1 / 2

Spalletti su Icardi: "Il Real Madrid? Lo vogliono tutti ma lui ama l'Inter"

L'allenatore dell'Inter in conferenza ha fatto sperare i tifosi: "Dalbert e gli altri? Presto vedrete tutte le loro qualità, ci vuole pazienza".

L'Inter regge, non molla, fa a sportellate per rimanere in cima. Dopo tre mesi dall'avvio del campionato, i nerazzurri sono lì, secondi dietro al Napoli, davanti alla regina Juventus, reduce da sei Scudetti consecutivi. Spalletti ha conquistato tutti, la sua squadra quasi.

Dopo il successo contro l'Atalanta la compagine nerazzurra fa visita al Cagliari, nell'anticipo delle 20:45 previsto sabato alla Sardegna Arena: di fronte all'Inter una formazione sarda risvegliatasi nell'ultimo periodo, reduce da tre vittorie negli ultimi quattro incontri.

In conferenza stampa Luciano Spalletti ha presentato così il match: "Il Cagliari e Lopez sanno benissimo che strada devono fare per raggiungere il loro obiettivo finale. Hanno accelerato con il ritorno di questo allenatore. Noi però sappiamo anche quello che dobbiamo fare per arrivare al nostro traguardo. Vogliamo rimanere addosso alle squadre forti della classifica e del campionato. Sarà una partita da senza tregua.

La certezza che ho è che questa Inter sa dove vuole portare ogni singola partita, sa dove e quando può fare male agli avversari. Difficoltà invece non ne vedo: dobbiamo confrontarci con tante altre squadre molto forti come noi, la classifica è molto corta".

Spalletti parla della situazione di Icardi: "Lo vuole il Real Madrid? Secondo me lo vogliono tutti. Ma vi posso dire una cosa, lui è completamente innamorato dell'Inter. E' attaccato a tutto quello che riguarda questi colori e questi tifosi. Non sono preoccupato. Se andate a chiedergli "resterai per sempre qui?", lui vi dirà "perché solo per sempre?".

L'allenatore dell'Inter continua: "Al momento la classifica dice che il gap con le altre si è ridotto, visto che è molto corta, ma ancora non abbiamo fatto nulla. Ci vuole continuità di prestazioni, perché le altre non molleranno. La Lazio vincerà il suo recupero e tra Roma e Sampdoria, chiunque vincerà, arriverà a ridosso delle prime".

Spalletti fa capire tutta la sua mentalità: "I tifosi mi dicono che abbiamo fatto un grande percorso perché non abbiamo ancora perso nemmeno una partita. Io la vedo in maniera diversa: perché invece non abbiamo vinto tutte le partite? Dobbiamo capire cosa c'è da migliorare".

"Adesso la mia squadra mi sta mettendo in difficoltà, ci sono tanti giocatori pronti a giocare, che non sono più solo i titolari, tutti vogliono dare un contributo. Abbiate pazienza e tra qualche partita vi farò vedere le qualità dei giocatori ancora nascosti. Molti mi dicono che Dalbert è costato tanto e sta restando in panchina, ma presto tutto sarà sotto gli occhi di tutti..."

Infine una parentesi anche per Joao Mario: "Io non lo vedo giù di morale, lui non ha fatto vedere niente di strano o comportamente fuori luogo. E' uno di quelli che possono darci una grande mano. Ma io non ti dò minutaggio per far crescere la tua fiducia, io ti faccio giocare per fare in modo che tu possa aiutare la squadra. Giocano quelli che hanno capito questa cosa".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità