Spalletti: "L'Inter mi ha pagato per stare a casa"

L'ex tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, in occasione degli Italian Sport Awards, spiega i motivi che gli hanno impedito di allenare il Milan.

  • È deceduto Philippe Monguillot: l'uomo aveva chiesto di rispettare le norme anti covid
    Notizie
    notizie.it

    È deceduto Philippe Monguillot: l'uomo aveva chiesto di rispettare le norme anti covid

    È deceduto all'età di 59 anni l'autista di un autobus a Bayonne aggredito dopo aver chiesto di indossare la mascherina.

  • Ragazzi morti a Terni, Boschini (San Patrignano): "Mai vista una cosa simile"
    Notizie
    Adnkronos

    Ragazzi morti a Terni, Boschini (San Patrignano): "Mai vista una cosa simile"

    "Sono in questo ambiente da 50 anni, ne ho viste di tutti colori, conosco ogni singola storia e comportamento di tossici e persone problematiche, ma mai avevo sentito una simile notizia. Mi ha sconvolto". Così all'Adnkronos Antonio Boschini, responsabile terapeutico della Comunità di San Patrignano, commenta la morte di Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi, i due ragazzi di Terni, 16 e 15 anni, ritrovati senza vita dai genitori nelle rispettive camere da letto martedì mattina. Letale potrebbe essere stata una dose di metadone. "Conosco bene quel mondo - prosegue - e sono rimasto senza parole. Non solo per la tragedia delle famiglie, perché penso non ci sia dolore più grande per un genitore di perdere un figlio in quel modo, ma per il dramma in sé. Siamo arrivati al punto che due ragazzini, non tossici, che quasi sicuramente non hanno mai fatto uso di eroina, si siano procurati del metadone e lo abbiano ingerito. Non conoscendo minimamente i rischi che stavano correndo. E' davvero un fatto insolito che deve farci riflettere". Boschini ha voluto poi lanciare l'allarme. "Ci stiamo avvicinando a quello che succede in America da anni, dove si registra una vera 'epidemia' di oppiacei, venduti regolarmente come fossero farmaci per curare mal di testa e dolori ossei. Prima venivano somministrati solo su prescrizione ai malati terminali, ora non è più così. E a questo punto il rischio è che possa succedere in Italia. Conosco tanti ragazzi che mi raccontano di averlo a disposizione e di venderlo. Ma si tratta di tossicodipendenti in cura che lo sostituiscono all'eroina. Non di due ragazzi nemmeno maggiorenni. E' impressionante solo pensarla una cosa simile". Sulle responsabilità dell'accaduto il responsabile terapeutico di San Patrignano non ha dubbi. "Non credo affatto sia colpa dei genitori. Ormai la noia e la moda portano a compiere queste azioni folli. Si esorta all'uso della droga in ogni dove, anche nei testi di alcune canzoni rap. E allora il corto circuito è facile che si inneschi. Messaggi negativi ti portano dal farti una canna a prenderti del metadone quando poco prima stavi giocando a pallone in parrocchia. Se non sei abituato poi vai incontro ad una morte lenta. Come poi è successo a questi giovani ragazzi".

  • Coronavirus, 91 in quarantena dopo un matrimonio nel Padovano
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Coronavirus, 91 in quarantena dopo un matrimonio nel Padovano

    Ben 91 persone sono finite in quarantena per due settimane dopo un matrimonio tra due sposi di origine congolese celebrato lo scorso 27 giugno a Cittadella, in provincia di Padova.

  • Roma, sul fondo del Tevere l'elicottero caduto: mistero sul volo
    Notizie
    Askanews

    Roma, sul fondo del Tevere l'elicottero caduto: mistero sul volo

    Un volo fantasna, nessun avviso, domani operazioni recupero

  • Yoko Ono assistita 24 ore su 24 “come se avesse 400 anni”
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Yoko Ono assistita 24 ore su 24 “come se avesse 400 anni”

    “Yoko Ono ha 87 anni ma vissuti come fossero 400. Come tutti alla sua età è un po’ rallentata nel parlare, ma è acuta come sempre”.

  • Enzo Salvi: "Fa progressi grazie al vostro amore"
    Notizie
    notizie.it

    Enzo Salvi: "Fa progressi grazie al vostro amore"

    Pochi giorni dopo l'aggressione subita, Enzo Salvi ha informato i propri fan che che condizioni del pappagallo Fly sono in netto miglioramento.

  • La cantante sta vivendo una nuova storia d'amore
    Spettacolo
    notizie.it

    La cantante sta vivendo una nuova storia d'amore

    Anna Tatangelo ha un nuovo fidanzato. La vita sentimentale dopo Gigi D'Alessio.

  • L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna
    Spettacolo
    notizie.it

    L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna

    Massimo Boldi e Irene Fornaciari si sono lasciati. Le parole dell'attore.

  • Omicidio Fumarola, il padre: "Tradito da qualcuno di cui si fidava"
    Notizie
    Adnkronos

    Omicidio Fumarola, il padre: "Tradito da qualcuno di cui si fidava"

    "Sembra tutto fermo, però non è così". Ad affermarlo in un'intervista rilasciata all'Adnkronos è Alessandro Fumarola, padre di Luigi Fumarola, 25enne scomparso l'11 luglio 2019 da Bisignano, in provincia di Cosenza, e ritrovato privo di vita il 15 agosto. Per la sua morte, a distanza di un anno, non è stato ancora trovato un responsabile. "La Procura di Cosenza sta lavorando, - afferma Alessandro Fumarola - non sappiamo nulla, ma hanno tanti elementi a disposizione, sono anche andati ad indagare all'estero. A giorni dovrebbe essere consegnata la relazione legale sulla dinamica dell'omicidio. Sanno già tutto, devono solo accertare bene i fatti prima di agire. Gli assassini di mio figlio non la faranno franca, proveranno quello che io vivo ogni giorno. Devono pagare tutto".  “Un’idea precisa di quello che sia successo non ce l’ho perché non riesco neanche ad immaginare che possa aver fatto qualcosa di così grave da arrivare ad essere ucciso. Non ce ne sarebbe stato motivo, è assurdo. Era un giovane papà di 25 anni, campione di arti marziali, pieno di vita, senza alcun vizio di droga, quale ‘sgarro’ poteva fare? Di certo è stato venduto, tradito da qualcuno di cui si fidava che lo ha portato a morire. Era una persona socievole, - spiega il papà - tutti lo cercavano e gli volevano bene in paese, dai bambini agli adulti. Mio figlio per me è vivo ed insieme a lui combatterò per avere verità e giustizia”.  “Quella sera – racconta Alessandro Fumarola - è uscito dopo cena, gli amici sono venuti a prenderlo in macchina, sono stati ad un bar dove lui è rimasto per poi andare via con altre persone. In questo lungo anno abbiamo fatto tante ipotesi, però nulla riesce a giustificare un gesto talmente efferato. Forse ha assistito a qualcosa che non doveva vedere, non so cosa pensare, non riusciamo a farcene una ragione. Il suo cadavere è stato trovato a Ferragosto dopo oltre un mese da un mio amico in un bosco tra i rovi, la medium che mia figlia aveva contattato aveva detto che si trovava in zona Mucone, faccia in giù vicino ad acqua e fichi d’india. In effetti era lì”.  Il padre di Luigi Fumarola, ad un anno dalla sua scomparsa ricorda l’omicidio del figlio affermando di confidare nel lavoro della magistratura. “Sul suo corpo – dichiara all’Adnkronos - sono state trovate ferite da arma da fuoco. È stato sparato con un fucile a canne mozze. Quando è sparito era tornato da poche settimane dalla Germania dove da quattro mesi lavorava in un ristorante. Voleva studiare per prendere la patente e ripartire. Sembrava un po’ preoccupato, gli amici dicevano che non lo vedevano solare come al solito, usciva di meno. Con me parlava di tutto, di donne, lavoro, progetti, sogni, andavamo sempre in palestra insieme, si confidava però non mi ha raccontato niente di allarmante”.  “L’ultima volta che l’ho visto era il 7 luglio – ricorda Alessandro Fumarola - ci siamo incontrati in un centro commerciale di Bisignano abbiamo riso e scherzato, poi ho avuto qualche giorno in cui ho lavorato di continuo (mattina, pomeriggio e sera) e non ci siamo mai più visti. Quando è sparito ci siamo allarmati perché aveva lasciato i cani nel cancello della casa di campagna in cui viveva. Non era normale, ogni volta che si spostava mi raccomandava di andare a dargli da mangiare invece non mi aveva detto nulla. Le chiavi dell’appartamento, ancora oggi sotto sequestro, e il suo cellulare non sono mai stati ritrovati”.  “Si pensa che sia stato ucciso in un posto e poi abbandonato nel bosco. Dalle indagini – afferma il papà di Luigi Fumarola - è emerso che il suo telefonino si è spento in contrada Imperatore di Bisignano, zona industriale in cui abitavamo in quel periodo, a circa 5 chilometri di distanza da dove è stato ritrovato. La stessa notte mia moglie mi ha svegliato per dire che aveva appena sentito sparare due colpi di fucile, ma l’ho rassicurata dicendole di stare tranquilla e dormire. Non potevo immaginare cosa stesse succedendo. Voglio conoscere al più presto i motivi alla base dell’uccisione di mio figlio anche se nessuno me lo restituirà. Sto aspettando. A volte penso che sia un sogno e spero di svegliarmi”.

  • Allarme Covid, la decisione del Premier Conte
    Notizie
    notizie.it

    Allarme Covid, la decisione del Premier Conte

    Su proposta del premier Giuseppe Conte, lo stato di emergenza potrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre 2020.

  • Park Won-soon: "Ringrazio tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita”
    Politica
    notizie.it

    Park Won-soon: "Ringrazio tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita”

    Prima di lasciare la propria abitazione Il sindaco di Seul Park Won-soon aveva lasciato un biglietto di scuse.

  • Tragedia a Marina di Camerota, giovane perde il controllo del mezzo e finisce contro il muretto
    Stile di vita
    notizie.it

    Tragedia a Marina di Camerota, giovane perde il controllo del mezzo e finisce contro il muretto

    Federico Giuliani si è spento a soli 31 anni in seguito ad un incidente stradale.

  • La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?
    Spettacolo
    notizie.it

    La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?

    Caterina Balivo passa a Mediaset? Ecco la risposta.

  • Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile
    Notizie
    Adnkronos

    Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile

    La Polizia di Stato, a conclusione di una complessa attività investigativa condotta dalla squadra mobile della Questura di Milano e coordinata dalla Procura della Repubblica, ha fermato una banda di ladri 'acrobati' di origine rom che depredavano lussuosi appartamenti del centro storico. Tra questi, anche l'uomo che il 12 gennaio 2012 travolse e uccise un'agente della polizia locale. In considerazione della loro mobilità sul territorio e per mettere fine alle loro scorribande criminali, il procuratore aggiunto L. Pedio e il sostituto procuratore F. Crupi, che hanno coordinato le indagini, hanno emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di D.A., nato nel 1994, J.M, nato nel 1997, e N.R, nato nel 1994, tutte persone con numerosi alias e precedenti penali e di polizia. Tutti e tre sono ritenuti responsabili di alcuni furti consumati nel periodo di febbraio e marzo circa all'interno di lussuosi appartamenti nel centro di Milano, grazie ai quali sono riusciti a sottrarre ingenti somme di denaro, gioielli ed effetti personali, dal valore complessivo superiore a 200.000 euro. I furti avvenivano nelle ore notturne quando i rei, sfruttando l'assenza delle vittime, riuscivano a introdursi all'interno degli appartamenti forzando i vari punti di accesso, spesso arrampicandosi lungo le grondaie od attraverso i tetti. Gli indagati sono stati rintracciati presso le loro temporanee dimore, tra cui il campo nomadi di via Fogazzaro n. 9 a Corbetta (Mi). Tra i fermati spicca la figura di N.R., che il 12 gennaio 2012, quando era ancora minorenne, a Milano, piazza Emilio Alfieri, all'interno del parcheggio delle ferrovie nord, alla guida di una Bmw X5, non fermandosi all'alt, aveva travolto e ucciso un agente della polizia locale. Per questo reato, dopo essere fuggito all'estero, è stato poi arrestato e condannato a una pena definitiva di anni 9 mesi 8 di reclusione. Lo scorso febbraio, dopo aver terminato la misura alternativa a cui era sottoposto, ha immediatamente ripreso le attività predatorie, oggetto delle indagini della Squadra mobile milanese e contestate nel decreto di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Milano. Nel corso delle perquisizioni, è stata sequestrata la somma contante complessiva di 8mila euro e un piccolo lingotto in oro, nonché abiti e numerosi gioielli di marca (Rolex, Cartier, Bulgari, Tiffany, Gucci e Versace). A carico degli stessi sono stati sequestrati anche gli indumenti utilizzati durante i furti contestati, a riscontro dell'attività investigative svolta.

  • "Polmonite sconosciuta e letale" in Kazakistan: lo Stato nega
    Notizie
    Yahoo Notizie

    "Polmonite sconosciuta e letale" in Kazakistan: lo Stato nega

    "Il tasso di mortalità di questa malattia è molto più elevato del Coronavirus", a riferirlo l'ambasciata cinese nell'ex Repubblica Sovietica

  • Covid, le parole del presidente della Campania
    Notizie
    notizie.it

    Covid, le parole del presidente della Campania

    Il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha affermato come nella regione non vi siano particolari problemi e di come questa sia a contagio zero.

  • Napoli, investe con l'auto 6 persone: morta una 27enne
    Notizie
    Askanews

    Napoli, investe con l'auto 6 persone: morta una 27enne

    Arrestato. In prognosi riservata un'altra incinta che ha partorito

  • Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"
    Notizie
    notizie.it

    Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"

    Nella seconda puntata di Temptation Island si vede Valeria sempre più vicina al tentatore Alessandro. Ecco la reazione di Ciavy

  • Omicidio Sacchi, il fratello: "Anastasiya si era allontanata da Luca"
    Notizie
    Adnkronos

    Omicidio Sacchi, il fratello: "Anastasiya si era allontanata da Luca"

    "Nell'ultimo periodo i miei rapporti con Luca non erano ottimi. E anche fra Luca e la fidanzata Anastasiya le cose non andavano bene, li avevo visti allontanarsi. Vedevo sempre più spesso Giovanni Princi: tra lui e Anastasiya invece i rapporti ultimamente erano sempre più buoni". Lo ha detto davanti ai giudici della Prima Corte di Assise di Roma, Federico Sacchi, fratello di Luca, il personal trainer ucciso con un colpo di pistola alla testa la notte tra Il 23 e il 24 ottobre davanti ad un pub nella zona di Colli Albani a Roma. Federico, che era presente la sera dell'omicidio, ha riferito di aver visto Princi allontanarsi dal pub, poco prima del delitto.  All'udienza di oggi, a porte chiuse, è stato ascoltato anche un amico di Luca Sacchi, Domenico Costanzo Marino Munoz, già sentito dagli inquirenti come persona informata sui fatti e presente anche lui sul luogo dell'omicidio. Il testimone ha detto di aver visto Anastasiya che veniva "colpita due volte con il bastone e quando Luca è intervenuto, Del Grosso ha fatto fuoco". Sul banco degli imputati ci sono Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due ventenni di San Basilio autori materiali dell'aggressione, Marcello De Propris, che consegnò l'arma del delitto, il padre di quest'ultimo, Armando, accusato della detenzione della pistola, e Anastasiya, che nel processo è anche parte civile per la rapina subita.

  • Zanardi, da martedì ipotesi di uscita dal coma farmacologico
    Notizie
    Adnkronos

    Zanardi, da martedì ipotesi di uscita dal coma farmacologico

    Permangono stabili, con un quadro neurologico definito sempre "grave", le condizioni di Alex Zanardi, ricoverato in prognosi riservata dal 19 giugno scorso nel reparto di terapia intensiva del policlinico universitario di Santa Maria alle Scotte di Siena. L'ex pilota di Formula 1, che da quando è in ospedale, è stato sottoposto a tre interventi da parte dello staff di specialisti che lo stanno seguendo, è sempre in coma farmacologico.  L'ipotizzato risveglio graduale, con la riduzione della sedazione, sarà valutato a partire dalla prossima settimana. Già martedì o mercoledì i medici potrebbero decidere di ridurre il coma farmacologico per verificare il quadro neurologico dopo il violento impatto del campione paralimpico che è andato a sbattere contro un tir con la sua handbike, mentre percorreva la strada provinciale 146 nel tratto tra il comune di Pienza e il comune di San Quirico d'Orcia (Si). Nel frattempo davanti all'ingresso del policlinico senese sono apparsi una bandiera tricolore con la scritta "Forza Alex siamo tutti con te" e un paio di striscioni dove si legge "Angelo non mollare, sei il nostro guerriero" e "Angiolè te vulimm bene".

  • Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus
    Notizie
    AGI

    Quali azioni ci espongono di più al contagio da coronavirus

    La Texas Medical Association ha redatto una lista di azioni assegnando a ognuna di esse un punteggio per classificarle in base alla pericolosità di contagio da COVID-19.Partendo da quelle meno pericolose, aprire la posta è un'azione che si può compiere con la massima serenità, un punto in più in termini di gravità per il fare benzina, giocare a tennis, ordinare cibo take away o andare in campeggio.Lontane dalla zona rossa anche altre azioni che siamo abituati a svolgere nel quotidiano come fare la spesa o passeggiare e correre all'aperto. Sono considerate ancora azioni “moderatamente basse” alloggiare in hotel per due notti, sedere in sala d'attesa dal medico, andare in biblioteca o al museo, mangiare in un ristorante all'aperto o camminare in un luogo affollato.La linea si tinge di giallo quando parliamo di cenare a casa di altre persone, andare in spiaggia e fare acquisti in un centro commerciale. Lavorare in ufficio è un'attività una tacca più pericolosa, così come la scuola per i figli e nuotare in una piscina pubblica.La situazione si fa più seria quando si tratta di andare dal barbiere o dal parrucchiere, così come cenare fuori al chiuso, partecipare a matrimoni o funerali, viaggiare in aereo, praticare sport di contatto come calcio o basket e salutare con strette di mano e abbracci i propri amici.Attenzione ai massimi livelli quando andiamo in palestra, al cinema o al teatro; attenti anche ai grandi concerti, quando ricominceranno, è chiaro, allo stadio, attività ancora negata, e a cerimonie con oltre 500 partecipanti; insomma, tutte quelle attività che prevedono un assembramento eccessivo. Anche mangiare e frequentare nei bar è considerata attività particolarmente a rischio.

  • Graziani parla della rottura tra l'ex tronista e il fidanzato: che intenzioni ha il pallavolista?
    Notizie
    DonneMagazine

    Graziani parla della rottura tra l'ex tronista e il fidanzato: che intenzioni ha il pallavolista?

    Alessandro Graziani ha parlato della fine della storia tra Giovanna Abate e Sammy Hassan, facendo una confessione che lascia perplessi.

  • Lorenzo Amoruso: "Non mi piace che parli di eterni fidanzatini"
    Notizie
    notizie.it

    Lorenzo Amoruso: "Non mi piace che parli di eterni fidanzatini"

    Lorenzo ha visto un video con protagonista la fidanzata Manila che non ha particolarmente gradito.