Spara accidentalmente al padre durante una battuta di caccia: muore

Spara accidentalmente al padre di 55 anni

Una tragedia ha colpito una famiglia di Postiglione, nel Salernitano. Accade che, durante un’abituale battuta di caccia, un uomo di 34 anni compie un gesto che non si sarebbe mai aspettato. Spara accidentalmente dal proprio fucile. Il colpo ha colpito il padre, di 55 anni, al basso addome, uccidendolo dopo un’iniziale ferita.

Il terribile fatto è accaduto a Sicignano degli Aburni, più precisamente in località Gammariello (in provincia di Salerno), durante una battuta di caccia al cinghiale. I due uomini sono sempre stati soliti praticare questa attività, e la tragedia è avvenuta nella totale ordinarietà. Mai, i due, avrebbero immaginato un epilogo così tragico.

Uomo spara accidentalmente: gli accertamenti

Tuttavia, i carabinieri della sezione operativa di Eboli stanno indagando per accertamenti, affiancati dalla stazione di Postiglione. Il figlio è stato denunciato per reato di omicidio colposo e dovrà affrontare tutti i relativi processi. In aggiunta, dovrà rispondere a una seconda accusa, di attività venatoria di frodo. Difatti, nella zona vige il divieto di caccia ai cinghiali durante questo periodo. Al momento si trova in stato di libertà, e ha visto il sequestro sia delle armi, che del porto d’armi stesso.

La stagione della caccia: i divieti

Fortunatamente, non accade frequentemente di sparare accidentalmente durante le battute di caccia. Le vittime sono gli animali anche se, negli ultimi anni, molte leggi impongono divieti sulla stagione della caccia. Ad esempio, la caccia alla marmotta è vietata, eccetto in Trentino Alto Adige, dove è possibile cacciarla anche nei parchi. La norma ha ovviamente indignato la fazione contraria all’attività venatoria.