Spara alla moglie e ai due figli poi si uccide. Tragedia nel Torinese

Marco Panzarella
·1 minuto per la lettura

AGI - Tragedia familiare a Carignano, nel Torinese. Alle 5.30 circa, all'interno di una villetta privata, un uomo di 40 anni ha esploso alcuni colpi d'arma da fuoco, legalmente detenuta, contro la moglie, i due figli, un bimbo e una bimba gemelli, e il cane, sparandosi subito dopo alla testa. La donna é stata trovata senza vita dai carabinieri che, allertati dai vicini, hanno sfondato la porta. Morto anche il bimbo, mentre la sorellina, trasportata d'urgenza all'ospedale Regina Margherita di Torino, si trova in condizioni disperate in rianimazione. L'omicida è morto dopo poco l'arrivo del 118. 

L'uomo si chiama Alberto Accastello, 40 anni, operaio in una ditta che si occupa di essiccazione di cereali, mentre la moglie, Barbara Gargano, 38 anni, cassiera al Carrefour di Moncalieri, Poco prima, l'uomo ha telefonato al fratello che vive a Racconigi, annunciando le sue intenzioni. Questi ha subito contattato i carabinieri che, giunti sul posto, hanno trovato i corpi per terra. Il bimbo é morto poco dopo l'arrivo in ospedale, mentre la sorellina é ricoverata nel reparto di rianimazione dell'ospedale Regina Margherita di Torino, in gravissime condizioni. Da quanto si apprende, negli ultimi tempi la coppia litigava spesso.