Spara a figlia e tenta suicidio, pinatonato in ospedale a Padova

Ska

Roma, 31 lug. (askanews) - Un uomo cingalese di 46 anni ha sparato alla figlia di 27 anni ed ha tentato il suicidio nel Padovano.

I due dono stati soccorsi e sono entrambi ricoverati nell'osopedale di Padova in gravi condizioni. L'uomo è piantonato perché l'autorità giudiziaria ha disposto il suo arresto.

La tragedia è avvenuta nella serata di ieri nel comune di Teolo. L'uomo ha raggiunto la figlia nella casa dove questa lavora come badante. Il padre l'ha raggiunta rincorsa ed esploso contro di lei alcuni colpi di fucile. La ragazza è caduta sanguinante a terra. L'uomo si è allora rivolto contro il fucile, esplodendo uno o due colpi e ferendosi al volto, quindi ha preso un laccio elastico ed ha tentanto di impiccarsi ad una trave di una tettoia all'esterno dell'abitazione. Qui, a seguito della telefonata del capofamiglia, è intervenuta una pattuglia di Carabinieri di Abano Terme, che ha slegato e adagiato a terra l'uomo, impedendogli di morire per soffocamento, ed ha chiamato il 118 per i soccorsi a entrambi. Il padre e la figlia sono entrambi in gravi condizioni presso l'ospedale di Padova. La figlia è stata raggiunta in pieno volto da una pallottola del padre. L'uomo è piantonato in stato di arresto per tentato omocidio.

Gli inquirenti stanno verificando il movente che, al momento, pare sia una relazione della ragazza con un connazionale fortemente osteggiata dal padre.