Sparatoria Ardea, l'addio ai fratellini

·1 minuto per la lettura

E' il giorno dell’addio a David e Daniel Fusinato, i fratellini di 5 e 10 anni uccisi domenica scorsa ad Ardea da Andrea Pignani, il killer che ha freddato anche il pensionato Salvatore Ranieri e si è poi suicidato. Gremito il piazzale antistante la chiesa Santa Maria Regina Pacis di Ostia, dove si svolge il rito funebre. Tra le autorità la sindaca di Roma Virginia Raggi. A circondare i cittadini, oltre ad amici e parenti, decine e decine di palloncini bianchi e azzurri. Un lungo applauso ha accolto l'arrivo dei due feretri, seguito da un lungo silenzio. I genitori dei bambini hanno chiesto, tramite il legale Diamante Ceci, una partecipazione da parte dei media "discreta e rispettosa del loro incommensurabile dolore".

"L’Ostiamare si è chiusa in lutto" ha detto Luigi Lardone, presidente della società calcistica, dove il più grande dei fratellini giocava come portiere. "Abbiamo chiuso l’impianto e partecipiamo al dolore dei familiari. Parlare di calcio o di altro in questo momento non ha alcun senso. E una tragedia incredibile: siamo abituati a sentire notizie del genere provenire da altri paesi come gli Stati Uniti. Purtroppo per una serie sfortunatissime di coincidenze è capitata a noi". "E' stato un dolore enorme. Gli altri ragazzi alla tragica notizia erano increduli, perché appunto non siamo abituati a tali notizie", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli