Sparatoria a Foggia: ucciso pregiudicato 50enne

Agguato Foggia
Agguato Foggia

Agostino Corvino, pregiudicato 50enne, accusato di associazione di stampo mafioso, è stato ucciso in un bar di Foggia mentre festeggiava il suo compleanno. Si tratta di un agguato maturato nell’ambito della criminalità organizzata.

Sparatoria in un bar a Foggia: 50enne ucciso mentre festeggiava il suo compleanno

Ancora un agguato di stampo mafioso a Foggia. Un pregiudicato di 50 anni è stato ucciso davanti ad un bar mentre stava festeggiando il compleanno con alcuni amici. La vittima è Agostino Corvino, nipote del boss Raffaele Tolonese, che è stato raggiunto da una raffica di colpi mentre brindava per il suo compleanno davanti ad un bar. L’agguato, avvenuto nella serata di giovedì 3 novembre, fa salire a 13 il numero degli omicidi avvenuti nel Foggiano dall’inizio dell’anno.

La dinamica dell’agguato

Intorno alle 21.30 del 3 novembre, uno o più sicari hanno aperto il fuoco davanti ad un bar a Foggia. Le forze dell’ordine sono subito arrivate sul posto e hanno trovato 14 bossoli sparsi sull’asfalto. Agostino Corvino, soccorso dal personale del 118 e trasportato in ospedale in codice rosso, è morto poco dopo. Sul posto anche gli agenti della squadra mobile di Foggia che hanno avviato le indagini e gli esperti della Scientifica. Si è trattato di un agguato maturato nell’ambito della criminalità organizzata. Corvino era un pluripregiudicato, attivo negli ambienti della criminalità foggiana. Era stato arrestato a luglio 2013 nell’ambito dell’operazione Corona, accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsioni, ricettazioni, spaccio di stupefacenti e sequestro di persona.