Sparatoria a Napoli: morto un ragazzo di 23 anni

·1 minuto per la lettura
23enne ucciso a Napoli
23enne ucciso a Napoli

Dramma a Napoli, dove un 23enne stato ucciso in una sparatoria a Napoli. Le operazioni di identificazione hanno portato a individuare nella vittima Carmine d’Onofrio, nipote del boss del quartiere Ponticelli dove è avvenuto l’omicidio.

23enne ucciso a Napoli: esplosi sette colpi

I fatti hanno avuto luogo nella notte tra martedì 5 e mercoledì 6 ottobre 2021. Secondo le prime ricostruzioni Carmine, incensurato, stava camminando con la compagna convivente, quando all’improvviso è stato raggiunto da colpi di arma da fuoco esplosi da un cittadino non ancora identificato.

Dopo essere stato trasportato al vicino pronto soccorso dell’ospedale evangelico Villa Betania, è deceduto a causa delle gravi ferite riportate. Sul luogo dell’incidente si sono precipitati i Carabinieri della stazione di Ponticelli che hanno rinvenuto sette bossoli calibro 45mm e hanno effettuato i rilievi utili a ricostruire la dinamica dell’accaduto.

23enne ucciso a Napoli: era nipote di un boss

Carmine D’Onofrio era il figlio illegittimo di Giuseppe De Luca Bossa, a sua volta fratello di Antonio De Luca Bossa. Ergastolano noto come “Tonino ‘o sicco”, quest’ultimo viene ritenuto dagli inquirenti uno dei criminali più pericolosi della camorra partenopea ed elemento di vertice dell’omonimo clan che da poco più di un anno avrebbe guadagnato posizioni nello scacchiere malavitoso di Napoli est.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli