Sparatoria a Torino: uomo ucciso a colpi di fucile a Pinasca

sparatoria torino

Un uomo di 66 anni è stato ucciso a colpi di fucile da caccia in una sparatoria avvenuta per le strade di Torino, a Pinasca: il killer sarebbe il suo vicino di casa. Mirai Asuntino era originario di Muravera del sud, in Sardegna. A lanciare l’allarme sono stati i vicini dopo aver udito gli spari. Secondo quanto ricostruito, inoltre, la sparatoria sarebbe avvenuta intorno alla borgata Case Sparse Mercateria, in val Chisone, nella serata di venerdì 18 ottobre. Sul caso sono in corso le indagini dei carabinieri di Pinerolo che hanno posizionato posti di blocco in tutta la zona: il killer è ancora in fuga.

Sparatoria a Torino: la situazione

La sparatoria di Pinasca, vicino a Torino, è avvenuta intorno alle ore 18:15 di venerdì 18 ottobre. Da quanto si apprende, inoltre, la moglie della vittima avrebbe assistito alla morte del marito. Il killer e Mirai avrebbero avuto, secondo quanto ricostruito, un diverbio. L’assassino ad un certo punto avrebbe imbracciato il fucile da caccia e avrebbe colpito il 66enne alla gamba e al torace. I colpi sparati sono stati almeno due, da quanto hanno raccontato i vicini di casa.

Le indagini

I militari della stazione di Pinerolo stanno cercando di ricostruire la dinamica di quanto accaduto: sono in fase di accertamento il movente e la modalità dell’omicidio. Secondo le prime ipotesi alla base della morte di Mirai Asuntino ci sarebbe un litigio tra vicini di casa. L’assassino, inoltre, sarebbe un uomo già noto alle forze dell’ordine. Secondo alcune indiscrezioni si tratterebbe di Stefano Barotto.