Spari in Vaticano: la polizia prova a fermare un uomo che ha forzato un posto di blocco

Green pass obbligatorio Vaticano
Green pass obbligatorio Vaticano

Una domenica pomeriggio di paura (come se ci trovasissimo in un film d’azione) a Città del Vaticano, anzi per essere più precisi a pochi passi da Piazza San Pietro: come riportato dalla Gazzetta di Parma la polizia si è trovata costretta a inseguire e a sparare un colpo di pistola ad un uomo che è fuggito dopo aver forzato un posto di blocco.

A quanto pare, i carabinieri hanno provato a fermare l’uomo (a bordo di una BMW) senza successo anche con l’utilizzo di un taser. In base alle prime ricostruzioni, il malvivente sarebbe un 39enne di origine albanese.

Spari in Vaticano: la polizia prova a fermare un uomo che ha forzato un posto di blocco

Un carabiniere ha sparato alle gomme dell’auto dell’uomo che, alla guida di una Bmw, non si è fermato all’alt durante i controlli, nei pressi del Vaticano a Roma. I carabinieri sono partiti subito con l’inseguimento e gli hanno tagliato la strada, per poi sparare alle gomme della sua auto. Il mezzo è ripartito, andando a sbattere contro le transenne di sicurezza in via Paolo VI. Ci sono stati momenti di grande paura a pochi passi da Piazza San Pietro.

La dinamica

Il cittadino albanese di 39 anni è stato fermato poco distante, in via Gregorio VII, con un taser. Sulla sua strada ha incontrato diverse auto della polizia, che ha anche tamponato. La sua fuga è finita contro una volante che si era messa di traverso per riuscire a bloccarlo. L’uomo è rimasto dentro il veicolo e gli agenti hanno usato il taser per riuscire a bloccarlo. In Vaticano è stato organizzato il sistema di sicurezza antiterrorismo, dopo l’inseguimento con sparatoria. La Guardia Svizzera, per precauzione, dopo aver sentito gli spari, ha immediatamente chiuso l’ingresso del Sant’Uffizio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli