Spazi da non perdere, nell’ex manicomio di Aversa

featured 1615137
featured 1615137

Roma, 30 mag. (askanews) – Nel parco dell’ex Maddalena ad Aversa, in provincia di Caserta, in quello che è stato il primo manicomio di Italia, ora è nata la Fattoria sociale fuori di zucca.

L’iniziativa è stata ideata e promossa dal progetto “La Fattoria della Salute” sostenuto da Fondazione Con il Sud e ha l’obiettivo di rispondere alle esigenze delle famiglie con persone autistiche o con disturbi mentali, alleviando il senso di vuoto e solitudine che spesso vivono.

Nel corso di questo anno all’interno della Fattoria è stato realizzato un centro di agricoltura sociale, che ha dato vita a laboratori sperimentali che hanno registrato risultati significativi.

Le attività delle persone prese in carico si sono arricchite, inoltre, sono state realizzate grazie anche alla collaborazione di famiglie e anziani ai quali è stato assegnato un orto sociale. Così, oltre a beneficiare della possibilità di realizzare attività agricole, sono un valido supporto al centro di “cura” con il quale creano comunità.

Anche questo fattore contribuisce a rendere la Fattoria Fuori di Zucca uno straordinario esperimento di inclusione sociale: un luogo dove ogni individuo trova il suo posto e il suo ruolo.

“È significativo e simbolico che questo intervento si fa sul terreno del vecchio manicomio di Aversa – sottolinea nel video, Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud – quella era una risposta sbagliata ai problemi delle disabilità psichiche, questa è la risposta giusta. E’ un bel segnale di cambiamento”.

I laboratori de La Fattoria della Salute sono promossi dal partenariato composto da Un Fiore per la vita, Consorzio Nco- Nuova Cooperazione Organizzata, Terra Felix, l’Asl locale, La forza del Silenzio, Un Mondo Blu odv e Omnia Onlus.

www.conibambini.org

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli