Spazio, 35 anni fa la tragedia dello Space Shuttle “Challenger”

·1 minuto per la lettura
Spazio, 35 anni fa la tragedia dello Space Shuttle “Challenger”
Spazio, 35 anni fa la tragedia dello Space Shuttle “Challenger”

Milano, 28 gen. (askanews) – Alle 17.39, ora italiana, del 28 gennaio 1986, esattamente 35 anni fa, si compiva una delle più gravi tragedie dell’epopea spaziale americana: l’esplosione in volo, 73 secondi dopo il lancio, dello Space Shuttle “Challenger”.

Un incidente trasmesso in diretta televisiva mondiale da molte emittenti, che costò la vita ai 7 astronauti dell’equipaggio della missione Sts-51: il comandante Dick Scobee, il pilota Michael John Smith e gli specialisti di missione Judith Resnik, Ellison Onizuka, Ronald McNair, Gregory Jarvis e, soprattutto, Christa McAuliffe, astronauta non professionista, vincitrice di un concorso per insegnanti indetto dalla Nasa: avrebbe dovuto tenere due lezioni dallo Spazio agli studenti americani.

In orbita non ci arriverà mai. I suoi sogni si sono infranti nei cieli della Florida in quella che a tutti gli effetti si è rivelata una tragedia annunciata. Le successive indagini sulle cause dell’incidente, infatti, hanno dimostrato che il “Challenger” si è disintgrato in volo a causa di un cedimento strutturale per un problema a una guarnizione di giuntura del booster laterale di destra, danneggiata dal ghiaccio e dalle insolite temperature rigide che si erano abbattute sulla Florida nei giorni precedenti al lancio, rinviato più volte per diversi motivi.

I tecnici dell’azienda che costruiva i razzi erano al corrente del potenziale problema alle basse temperature e avevano avvertito la Nasa di non lanciare con quel freddo ma l’ente spaziale americano, forse per non accumulare altro ritardo, decise di non rimandare ulteriorimente il volo.