Spazio: al via viaggio per studiare il metabolismo dell'uomo (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Il volo spaziale di lunga durata – spiega Filippo Giorgio Di Girolamo del team dell’Università di Trieste – induce cambiamenti nella composizione corporea e, quasi sempre, la riduzione della massa corporea. È possibile, con un intervento a livello nutrizionale, contrastare o limitare l'effetto dannoso della microgravità sul metabolismo e sul muscolo scheletrico".

Il professore Gianni Biolo coordinatore del team dell’Università di Trieste, sottolinea infine che "i risultati ottenuti con Luca Parmitano hanno dimostrato l’efficacia dell’approccio nutrizionale proposto dal nostro team, e, in considerazione di ciò, l’Asi ha programmato con Esa di continuare lo studio Nutriss in occasione di altre due missioni di astronauti Esa sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss), quella imminente di Matthias Maurer e quella di Samantha Cristoforetti prevista nel 2022".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli