Spazio, Asi: "Operativo il secondo satellite Cosmo-SkyMed Csg"

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 ott. (Adnkronos) – Il secondo satellite Cosmo-SkyMed di Seconda Generazione (Csg) diventa operativo rafforzando ancora di più il consolidato ruolo e il contributo dell’Italia nel campo dell’Osservazione della Terra. L'Agenzia Spaziale Italiana riferisce che è stata superata "con successo la fase di test e qualifica in volo". I dati acquisiti dal satellite Csg2 vengono messi a disposizione degli utenti dall’Agenzia Spaziale Italiana e dal Ministero della Difesa. Il secondo satellite Cosmo-SkyMed di Seconda Generazione dell’Asi e del ministero della Difesa è così accessibile all’utenza ed il programma adesso "raggiunge l’importante traguardo di avere una costellazione Csg pienamente operativa, in linea con gli obiettivi prefissati dall’Agenzia Spaziale Italiana e dal ministero della Difesa che ne hanno promosso, finanziato e diretto, nel ruolo di committenti, l’intero programma di sviluppo" affermano le due istituzioni.

Per l'Asi "questo risultato conferma le eccezionali competenze dell’industria italiana". L’operatività dei satelliti di seconda generazione consentirà di assicurare la piena continuità operativa dell’intera missione Cosmo-SkyMed, andando a sostituire gradualmente i satelliti di prima generazione messi in orbita 15 anni fa, un passo che ha permesso un notevole incremento delle capacità complessive. Obiettivo primario di Csg è fornire a un’utenza duale, civile e militare, i servizi di Osservazione della Terra attraverso un ampio portfolio di prodotti, ottenuti nelle diverse modalità operative del sensore Sar-Radar ad Apertura Sintetica, sia a campo stretto e risoluzione ultra-fine che a campo largo.

Il Csg rappresenta oggi lo stato dell’arte dei sistemi di Osservazione della Terra basati su tecnologia radar, grazie alle innovazioni tecnologiche e soluzioni all’avanguardia introdotte nelle componenti spaziale e terrestre. I recenti satelliti sono in grado di garantire miglioramenti significativi rispetto alla prima generazione, tutt’oggi operativa, in termini di prestazioni, qualità delle immagini, efficienza dei servizi forniti agli utenti civili e governativi e maggiore vita operativa. L'Asi rileva ancora che l’elevata agilità del sistema, combinata con un salto generazionale in termini tecnologici, consente un ampliamento considerevole delle possibili applicazioni che includono la sicurezza e la sorveglianza di territori e la prevenzione e analisi di eventi calamitosi dovuti a cause naturali o antropiche.

Fondamentale il contributo dell’industria nazionale, con il Gruppo Leonardo, allo sviluppo di questa eccellenza del Paese. In particolare Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%), è responsabile della realizzazione del segmento spazio (satelliti radar di vecchia e nuova generazione) e del sistema End to End, Telespazio, joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%), è responsabile del Segmento di Terra, della logistica e delle operazioni, Leonardo contribuisce allo space segment fornendo i sensori di assetto stellare per l’orientamento del satellite, i pannelli fotovoltaici e unità elettroniche per la gestione della potenza elettrica. e-Geos, società costituita da Telespazio (80%) e Asi (20%), è concessionaria esclusiva di Asi per la commercializzazione dei prodotti e servizi Cosmo-SkyMed e Cosmo-SkyMed Second Generation in tutto il mondo.