Spazio, attivato sull’Iss il nuovo Bishop Airlock di Nanoracks

·1 minuto per la lettura
Spazio, attivato sull’Iss il nuovo Bishop Airlock di Nanoracks
Spazio, attivato sull’Iss il nuovo Bishop Airlock di Nanoracks

Milano, 8 feb. (askanews) – È stato attivato con successo sulla Stazione spaziale internazionale il nuovo modulo commerciale Bishop Airlock dell’azienda privata americana Nanoracks.

Installato sull’Iss il 5 gennaio 2021, il nuovo airlock è frutto anche della tecnologia italiana; il suo “guscio” esterno, infatti, è stato costruito negli stabilimenti di Torino della Thales Alenia Space, mentre il sistema d’aggancio è dell’americana Boeing.

Il nuovo modulo permanente, destinato a durare almeno una decina d’anni, può assolvere a una molteplicità di funzioni, in particolare per mettere in orbita fino a 48 cubesat e nanosatelliti, operazione finora consentita solo dal modulo giapponese Kibo della base orbitante.

La particolarità del Bishop, inoltre, è quella di poter essere sganciato e risistemato in diversi punti all’esterno dell’Iss grazie al braccio robotico, a seconda delle esigenze. Il suo nome “Bishop”, infatti, riprende quello degli alfieri nel gioco degli scacchi che, contrariamente alle altre pedine, possono muoversi in diagonale anziché in orizzontale o verticale.

All’esterno, inoltre, ha 6 punti per l’ancoraggio di altrettanti esperimenti scientifici mentre il suo ambiente interno, pressurizzabile o meno, di facile accesso per gli astronauti, può essere usato anche per lo stoccaggio di materiale di scarto che potrà essere eliminato direttamente, mandandolo a bruciare nell’atmosfera terrestra, senza dover necessariamente dipendere dalle navette cargo Progress o Cygnus.