Spazio, la navetta cargo Dragon Crs-23 ha attraccato all’ISS

·1 minuto per la lettura
featured 1490833
featured 1490833

Milano, 31 ago. (askanews) – Nella giornata del 30 agosto 2021, la navetta spaziale cargo “Dragon” Crs-23 di SpaceX ha attraccato con successo al modulo Harmony della Stazione spaziale internazionale, mentre la base orbitante si trovava sull’Australia occidentale.

L’operazione di “docking” è avvenuta in modo automatico, con il monitoraggio degli astronauti Nasa, Shane Kimbrough e Megan McArthur.

Lanciata il 29 agosto, la navetta ha portato sull’Iss rifornimenti ed esperimenti scientifici per gli astronauti tra cui anche il prototipo di un braccio robotico della Nanoracks-GITAI;

un dimostratore tecnologico per testare la possibilità di utilizzare tecnologie robotiche autonome in microgravità al fine di svolgere attività di supporto per l’equipaggio, per esempio per la manutenzione o l’assemblaggio di componenti della base,

abbassando i costi e aumentando la sicurezza per gli astronauti.

Si tratta di una tecnologia con potenziali importanti ricadute anche nella vita di tutti i giorni sulla Terra, per esempio per compiti di ricerca e soccorso in ambienti particolarmente ostili. L’esperimento sarà condotto all’interno del Nanoracks Bishop Airlock, il primo airlock commerciale dell’Iss.

Altri esperimenti, invece, riguardano le necessità degli astronauti durante la lunga permanenza nello Spazio, come l’alimentazione o la cura di problemi fisici. I progressi scientifici della ricerca in queste aree – per esempio la coltivazione di piante in orbita – aiuteranno a mantenere in salute gli astronauti durante i viaggi spaziali di lunga durata e valideranno le tecnologie per la futura esplorazione umana e robotica oltre l’orbita bassa terrestre, principalmente verso Marte e la Luna con le future missioni Artemis.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli