Spazio, rientrato sulla Terra l’equipaggio della Soyuz Ms-12

Spazio, rientrato sulla Terra l’equipaggio della Soyuz Ms-12

Baikonur, 3 ott. (askanews) – Con un perfetto atterraggio nelle steppe del Kazakhstan è rientrato sulla Terra l’equipaggio della navetta spaziale russa Soyuz Ms-12. A bordo il comandante russo Aleksej Ovcinin, che ha all’attivo 372 giorni in orbita, l’astronauta americano della Nasa, Nick Hague rimasto nello Spazio 203 giorni e l’astronauta degli Emirati Arabi Uniti Hazzaa AlMansoori, al suo primo volo e primo emiratino della storia a visitare la Stazione spaziale internazionale, rimasto in orbita solo 8 giorni.

Proprio a lui è toccato suonare la campana durante la tradizionale cerimonia di cambio comando sull’Iss, con la quale Ovcinin ha passato simbolicamente le “chiavi della base orbitante” all’astronauta italiano dell’Esa Luca Parmitano, colonnello pilota sperimentatore dell’Aeronautica militare, alla sua seconda missione spaziale dopo “Volare” dell’Asi nel 2013.

Ovcinin, Hague e AlMansoori avevano lasciato la Stazione spaziale internazionale poche ore prima dell’atterraggio in Kazakhstan per fare rientro sulla Terra. Ovcinin e Hague nell’ottobre 2018 erano sopravvissuti al fallimento del lancio della navetta Soyuz Ms-11 costratta ad abortire il volo dopo pochi minuti a causa di un problema a uno dei booster laterali del razzo.