Special Cook: grandi chef cucinano per gli ospedali italiani

·2 minuto per la lettura

Milano, 20 lug. (askanews) - Portare la cucina di qualit negli ospedali d'Italia. E' questo Special cook, l'iniziativa organizzata da Officine Buone a cui ha aderito il gruppo Galbani. Attraverso format culturali innovativi, questa iniziativa permette ai giovani di donare il proprio talento in ospedali e nei luoghi di fragilit, con risvolti educativi e coinvolgenti sia per i pazienti, sia per i volontari. Il tour sostenuto da Galbani partito il 16 luglio a Milano e proseguir nei prossimi mesi con nuove tappe, tra cui quella del 22 luglio a Catanzaro. A Milano, Stefano Callegaro, vincitore di Masterchef 4, ha preparato due versioni di amatriciana gourmet studiata in accordo con i nutrizionisti per gli ospiti del Centro Clinico NeMO, il centro clinico ad alta specializzazione pensato per rispondere in modo specifico alle necessit di chi affetto da malattie neuromuscolari, come la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), le Distrofie Muscolari e l'Atrofia Muscolare Spinale (SMA), dell'Ospedale Niguarda di Milano. Il format in questa fase di distanziamento fisico prevede un momento in streaming, un momento in delivery e poi il momento finale in cui i pazienti ricevono direttamente in reparto i piatti gourmet. A Milano Callegaro, in diretta streaming dalla propria abitazione, ha cucinato l'amatriciana realizzata in versione solida e in versione omogeneizzata, per rispondere ai bisogni di alcuni dei pazienti del Centro clinico. Al termine della preparazione, durante la quale i pazienti collegati in streaming hanno potuto vedere e commentare i passaggi della realizzazione, gli special rider di Officine Buone hanno consegnato i piatti in ospedale, per donare un momento di piacere ai pazienti del Centro NeMo. Le prossime tappe sono il 22 luglio al Centro calabrese di solidariet con lo chef Luca Abbruzzino (stella Michelin e a settembre presso il reparto pediatrico dell'Ospedale Gemelli di Roma, l'Istituto ortopedico Gaetano Pini di Milano e l'Ospedale dei bambini Buzzi di Milano.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli