Spegne le candeline e muore per infarto: il dramma a Belluno

·1 minuto per la lettura
compleanno infarto Giovanni
compleanno infarto Giovanni

Giovanni Mores è morto tragicamente nel giorno del suo compleanno a causa di un infarto. L’uomo ha spento 74 candeline, poi è uscito in giardino a raccogliere la legna da mettere sul fuoco. In casa, tuttavia, non è più tornato. Il malore lo ha infatti colpito improvvisamente. All’arrivo dei medici del 118 ormai non c’era più nulla da fare. I familiari non riescono a farsene una ragione.

La festa per il compleanno di Giovanni, poi l’infarto

Una festa in famiglia, sabato 17 aprile, per celebrare il compleanno di Giovanni Mores presso la sua abitazione di via della Fevera, ad Arsiè nella frazione di Mellame, in provincia di Belluno. Nessuno dei presenti, tuttavia, poteva pensare che quella sarebbe stata l’ultima volta che avrebbero visto il loro caro. Il settantaquattrenne è stato ucciso da un infarto.

I primi soccorsi sono arrivati dalla figlia Patrizia, che è un’infermiera, poi sono arrivati i medici del 118. Nessuno, tuttavia, ha potuto salvare la vita dell’uomo. È morto sul colpo. In tanti lo conoscevano nel piccolo paesino in provincia di Belluno. Giovanni Mores infatti aveva lavorato per anni all’Enel. “È stato mio marito per 53 anni“. A parlare di lui è stata la moglie, Natalia Del Marco, affranta dal lutto.