Speleologo bloccato in grotta a 2000 metri, ferito ma salvo

·1 minuto per la lettura

E' stato tratto in salvo dai soccorritori del Soccorso Alpino Friuli Venezia Giulia lo speleologo di Roveredo in Piano rimasto tutta la notte, ferito, nei pressi della grotta Buca Mongana. Il salvataggio è stato complesso: l'uomo era sette metri sotto una strettoia e non poteva essere spostato perché non c'era spazio sufficiente all'interno. Lo speleologo aveva un braccio rotto e ferite al volto.

In questi minuti l'elisoccorso regionale, che si è alzato in volo alle 6, lo sta prelevando per portarlo a valle. Gli altri materiali e tutto il personale del Soccorso speleologico arrivato in quota a 2000 metri verrà evacuato con l'elicottero della Protezione Civile. In tutto hanno preso parte una quarantina di tecnici del Soccorso Alpino tra cui diversi provenienti da altre regioni, Lombardia, Trentino, Umbria e Lazio non tutti però impiegati nelle operazioni che hanno avuto l'esito positivo prima del previsto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli