Spending review: deroghe a cessioni soc. in house-Fuori riordino Expo Mi

(ASCA) - Roma, 25 lug - Via libera alla possibilita' di

deroghe alla norma che prevede la cessione o lo scioglimento

delle societa' in house, che erogano prestazioni alle

pubbliche amministrazioni, da parte degli enti locali. E'

quanto prevede un emendamento al dl sulla spending review a

firma dei relatori, Paolo Giaretta per il Pd e Gilberto

Pichetto Fratin per il Pdl presentato in commissione

Bilancio.

L'emendamento che modifica l'art.4 del provvedimento

inserisce una serie di deroghe possibili, in particolare nel

caso sussistano ''peculiari caratteristiche economiche,

sociali, ambientali, geomorfiche'' che rendono non efficace

il ricorso al mercato e che le norme sulla soppressione non

si applicano ''alle societa' che svolgono servizi di

interesse generale, anche di rilevanza economica o con

compiti prevalenti di centrale di committenza''. E' il caso

della Sogei, della Consip, delle finanziarie regionali,

quelle che gestiscono banche dati necessarie per ottenere

fondi Ue e per la tutela della privacy. Salve anche le

societa' in house per realizzare l'Expo di Milano 2015.

Le richieste di deroga delle amministrazioni, da

predisporre entro 90 giorni dall'entrata in vigore della

conversione del decreto, saranno approvati ''previo il parere

favorevole'' del commissario alla spending review, ovvero di

Enrico Bondi.

Ricerca

Le notizie del giorno