Speranza ai sanitari: "Ce l'abbiamo fatta anche grazie a voi"

webinfo@adnkronos.com

"Sono stati i giorni più difficili della nostra vita. A ciascuno di voi e di noi vengono i brividi ripensando a quei momenti e a quelle giornate. Io penso che se le istituzioni repubblicane ce l'hanno fatta - perché questo ad oggi possiamo dirlo, era un'onda tremenda eravamo il primo Paese occidentale ad essere colpito - e le istituzioni repubblicane hanno retto è anche grazie al vostro impegno e vi dico grazie uno per uno". Lo ha affermato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento oggi alla Protezione civile per la cerimonia di ringraziamento dei sanitari della task force costituita per dare aiuto alle regioni più colpite dal Covid-19. 

"Penso che i medici e gli infermieri ci hanno dato questo straordinario messaggio. Gli siamo grati. Ma oggi vi chiedo una ultima cosa: quella di aiutarci a coltivare la memoria. Io vivo con una certa ansia queste giornate, ho la percezione che un pezzo di Paese pensi che la battaglia sia giù vinta, invece siamo ancora dentro a questa battaglia. Siamo messi meglio perché le misure che abbiamo disposto ci hanno aiutato a piegare la curva dal lato giusto, ma ancora la partita è in campo. Quindi guai a pensare che sia già finita", ha detto ancora, aggiungendo: "Il messaggio di voglia di combattere, di voglia di vincere questa sfida arrivava dappertutto. Io credo - ha aggiunto Speranza - che questo sia il messaggio più bello che dobbiamo portare con noi. Mi sia permesso di ringraziare anche la Protezione civile per il lavoro straordinario che ha fatto, a partire dal commissario Borrelli, al lavoro incredibile fatto dal commissario Arcuri, le Regioni e il Governo".  

"Papa Francesco - ha continuato il ministro - ha detto meglio di ogni altro poche parole, ma di una profondità incredibile: peggio di questa crisi c'è solo il rischio di sprecarla. Ecco, noi non dobbiamo sprecarla". 

"Noi dobbiamo investire sul Servizio sanitario nazionale e sugli uomini che ne fanno parte. Sono cose che abbiamo iniziato a fare, e in primis il presidente del Consiglio ha dimostrato essere una priorità assoluta" in questi mesi. "E voi - ha detto Speranza a medici e infermieri - dovrete con noi svolgere e vincere questa battaglia. Con medici e infermieri messi fino in fondo nelle condizioni di essere al servizio dei cittadini io credo che il Ssn possa essere davvero più forte".