Speranza: "Onda contagi è alta, misure devono essere dure"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Noi siamo stati in Parlamento a luglio a spiegare che bisognava mantenere lo stato d'emergenza e siamo stati accusati di dittatura sanitaria. Oggi l'Italia è più forte per affrontare questa crisi ma l'onda è ancora alta e nessuno ha la bacchetta magica, le misure devono essere dure. Domani Macron parlerà alla nazione e la Germania adotterà nuove misure. E' un problema generale. In questa fase bisogna evitare che si alzino i contagi". Lo ha detto, ospite a Di Martedì su La7, il ministro della salute, Roberto Speranza.

"La situazione è seria e non può essere sottovaluta per questo abbiamo adottato misure dure; per provare a piegare la curva dei contagi". Lo ha detto, ospite a Di Martedì su La7, il ministro della salute, Roberto Speranza. "Proprio oggi -aggiunge Speranza- il governo ha fatto una scelta decisa: 5 mld di risorse che andranno tempestivamente alle persone per aiutarle ad affrontare questa crisi. Ma senza misure restrittive la curva non tornerà sotto controllo -sottolinea il ministro-., Quello che può fare più la differenza, ora, è il comportamento delle persone". "In questa fase il governo deve sforzarsi di ascoltare il più possibile anche chi protesta", ma "ci vuole un atteggiamento rigoroso contro le violenze. Dobbiamo essere vicini a chi ha interrotto l'attività lavorativa".