Speranza preme: "Smart-working fino al 75% e ulteriore stretta sulla movida"

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·1 minuto per la lettura
Italian Health Minister Roberto Speranza (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
Italian Health Minister Roberto Speranza (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

“Lavoriamo insieme sui trasporti. Serve una mossa netta sullo smart working, direi di arrivare anche al 70-75%”. Lo ha detto - a quanto si apprende - il ministro per la Salute, Roberto Speranza durante il vertice Governo-Regioni.

“Sulla movida potremmo fare uno sforzo in più, valutiamo se è il caso di una una stretta sugli orari serali per evitare assembramenti”.

“Ci sono ancora luoghi in cui la mascherina non è utilizzata: sport di contatto - ad eccezione dei professionisti che seguono protocolli -, sugli eventi capiamo insieme dove fissare l’asticella”, ha aggiunto il ministro.

“L’idea di base è l’irrigidimento delle misure con una distinzione di base tra attività essenziali e non essenziali perché abbiamo necessità di limitare i contagi.
Interveniamo adesso con più forza sulle cose non essenziali per evitare di dover incidere domani sull’essenziale che per il Governo è rappresentato da lavoro e scuola. È Il tempo”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.