Speranza: sì a patto politico vero c.sinistra-M5s, no accordicchi

Pol/Vep

Roma, 12 ago. (askanews) - "Non credo avrebbe senso un governo con il solo obiettivo di non far aumentare l'Iva o di ridurre il numero di deputati e senatori, spostando le elezioni di qualche mese. Non è questo che serve al Paese". Lo afferma il segretario nazionale di Articolo Uno, Roberto Speranza.

"Serve, se ne abbiamo il coraggio - prosegue Speranza- verificare se ci sono le condizioni per un patto politico vero tra centrosinistra e 5 stelle. Non è una cosa né facile soprattutto dopo la drammatica esperienza del governo gialloverde che ha compromesso larga parte del loro gruppo dirigente. Eppure per me vale la pena provarci, nei tempi e nei modi che indicherà il Presidente Mattarella. L'orizzonte dovrebbe essere quello di un progetto di radicale cambiamento che metta al centro la questione sociale, la lotta contro le diseguaglianze e un nuovo modello di sviluppo ecosostenibile". "Queste dovrebbero essere anche le coordinate fondamentali di una nuova relazione con l'Europa".

"Solo con questo approccio e con questa ambizione, non minimalista, è possibile prosciugare le ragioni di fondo dell'avanzata della destra e rinvigorire, anche attraverso l'introduzione di una nuova legge elettorale proporzionale, il campo democratico nel nostro Paese", conclude il leader di Articolo Uno.