Speranza: "Virus non è mutato, è ancora pericoloso"

webinfo@adnkronos.com

"Tutti gli scienziati della comunità internazionale ci dicono che il virus non è cambiato. Sicuramente lo conosciamo di più, abbiamo imparato a contrastarlo meglio. Il virus è ancora molto pericoloso, guai a pensare che la battaglia sia già vinta". Sono le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, a DiMartedì. 

"Non è ancora finita, il virus circola ma grazie a quanto fatto in queste settimane ci troviamo un quadro epidemiologico migliore C'è una circolazione del virus e bisogna procedere con cautela, bisogna continuare a seguire le regole: la distanza, lavarsi le mani, evitare assembramenti", aggiunge. 

"Tutti gli scienziati della comunità internazionale ci dicono che il virus non è cambiato. Sicuramente lo conosciamo di più, abbiamo imparato a contrastarlo meglio. Il virus è ancora molto pericoloso, guai a pensare che la battaglia sia già vinta. Noi abbiamo fatto scelte drastiche, non abbiamo ancora visto fino in fondo il prezzo sociale. Abbiamo fatto un pezzo importante di strada, ma la battaglia non è ancora vinta. Finché non ci sarà la scoperta di un vaccino, abbiamo bisogno della massima cautela", dice ancora Speranza. "La circolazione del virus è più limitata, avremo un quadro più preciso alla fine dell'indagine sierologica che è in corso. Al termine di questo percorso avremo un'idea su cosa sia accaduto".