Sperlari: stop a gelatina animale in tutte le caramelle

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 mar. (askanews) - Stop all'uso di gelatina animale nella produzione di tutte le caramelle Sperlari (Sperlari, Galatine, Saila, Dietorelle): dopo tre anni di lavoro il gruppo, leader in Italia nei mercati dei prodotti stagionali (torrone e mostarda) e dei dolcificanti, e secondo player nel mercato delle caramelle, con oltre 400 dipendenti in 4 siti produttivi (Cremona, Gordona, San Pietro in Casale, Silvi Marina) ha fatto "una precisa scelta etica" rivedento tutte le ricette degli stabilimenti italiani per eliminare la gelatina animale e sostituirla con ingredienti di origine vegetale, come l'amido di mais e l'amido di patate.

"Tutti i nostri prodotti sono ora senza gelatina animale, una scelta che è parte di un percorso più ampio che riguarda la sostenibilità di Sperlari - ha spiegato in video conferenza Piergiorgio Burei, Ceo di Sperlari - stiamo eliminando qualsiasi aroma e colorante artificiale, abbiamo convertito su diversi marchi la materia prima in materia prima italiana, stiamo lavorando per la riduzione della plastica e stiamo lavorando anche per ridurre l'impatto ambientale della produzione attraverso l'uso della trigenerazione nello stabilimento di Cremona a partire dal 2022, con la riduzione di oltre 1.500 tonnellate di Co2".

La gelatina animale, uno dei principali prodotti di scarto degli allevamenti intensivi di maiali e bovini, è contenuta nella maggior parte delle caramelle morbide e gommose presenti sul mercato. Determinante il rapporto con l'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, l'università di Slow Food, di cui Sperlari è uno dei partner strategici dal 2018, ha permesso in questi anni all'azienda di lavorare in modo organico alla propria proposta, al miglioramento costante della qualità di prodotti e ingredienti, alla scelta di ingredienti naturali, al progressivo passaggio dalla plastica alla carta nelle confezioni.

"Siamo intervenuti su prodotti storici e riconosciuti dal consumatori e questo non è mai semplice, l'aspetto organolettico non è tanto un fatto di gusto ma di consistenza e per questo il processo ha richiesto tanto tempo", ha aggiunto Burei. Il prodotto "non costa di più rispetto a prima, è più competitivo, la sfida è tutto lo sviluppo che richiedono le ricette e il fatto di dovere adattare gli stabilimenti produttivi".

"Sperlari attualmente è uno dei tre maggiori player nel mercato delle caramelle e da sempre propone prodotti di qualità, realizzati con ingredienti speciali e nel rispetto dei criteri di eticità e sostenibilità - ha spiegato in video conferenza Piergiorgio Burei, Ceo di Sperlari - è proprio facendo tesoro di questo grande valore, di cui ci riteniamo custodi, che abbiamo intrapreso questa campagna per l'eliminazione totale della gelatina animale da tutti i nostri prodotti fatti in Italia e siamo fieri di annunciare il lancio sul mercato delle nostre nuove caramelle Kids che nascono, appunto, senza gelatina animale e rappresentano un'offerta a valore aggiunto nel segmento bambino".