Spettacolo di luci senza spettatori, Galway non rinuncia al suo show

Davide Sarsini

 "Se un albero cade in una foresta e nessuno è in giro per ascoltarlo, emette un suono?": il noto quesito filosofico non ha fatto desistere gli irlandesi dal realizzare un magnifico spettacolo di luci che ha illuminato un'intera montagna del Connemara, malgrado non vi potesse essere quasi nessuno ad assistervi per le restrizioni legate al coronavirus. L'iniziativa rientra nelle celebrazioni per la città di Galway, capitale europea della cultura per il 2020. 

Tutto era pronto per proiettare lo spettacolo Savage Beauty tutte le sere da sabato fino alla festa di San Patrizio, il 17 marzo, nel più grande lavoro artistico di illuminazione di un sito specifico mai realizzato. Alla fine si è deciso di procedere ugualmente e il risultato è visibile negli straordinari video già comparsi online.


Lo show dell'artista della luce finlandese Kari Kola ha richiesto un complesso lavoro in cui un elicottero ha posizionato 16 generatori distanziati tra loro sul monte Ceann Garbh e sono stati posati 20 chilometri di cavi per illuminare un migliaio di lampade giganti. Si attendevano 20.000 spettatori per ognuna delle quattro serate di spettacolo di luci, invece solo pochi abitanti della zona hanno potuto ammirarlo dal vivo. Ma grazie alla Rete, è possibile distrarsi per qualche secondo dalla grande emergenza Coronavirus e contemplare immagini di rara bellezza in cui arte e natura si fondono.