Spettacolo: Mollicone (Fdi) 'regolamentare lavoratori con riforma'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 apr. (Adnkronos) – “I lavoratori dello spettacolo – dai ballerini, agli attori, ai musicisti, agli artigiani, agli scenografi, alle maestranze – sono un’eccellenza nazionale, che aumenta il prestigio italiano nel mondo. Va istituito un registro presso il Mic di chi è lavoratore dello spettacolo, così come va riformato il numero di giornate ai fini pensionistici, tornando ai termini di 60 giorni. Tutto questo, però, non può esimersi dalla riforma del Fondo Unico per lo Spettacolo, modificando i criteri qualitativi e quantitativi, spesso distorsivi del mercato, come indica anche l’Istituto Bruno Leoni". Così il capogruppo di Fdi in commissione Cultura, deputato Federico Mollicone, ricevendo la proposta di riforma del lavoro nello spettacolo del Parlamento Culturale Permanente, che si è insediato all'interno del Piccolo Teatro Aperto di Via Rovello a Milano.

"Non condividiamo l’occupazione come forma di lotta politica – prosegue- ma la piattaforma programmatica sul lavoro nello spettacolo vede alcuni punti condivisi con le storiche posizioni di Fdi espresse in Parlamento. Fratelli d’Italia presenterà una specifica proposta di legge per regolamentare i lavoratori dello spettacolo. Non possiamo certo non pensare anche all’offerta, e a quei lavoratori spesso esclusi e senza regolamentazione come le maestranze, o alla regolamentazione degli agenti di spettacolo. La riforma anche dell’istituto del Durc è necessaria, come indicato anche dal presidente Tridico.”